Atlantide, arrivano i primi saluti

Archiviata la stagione 2019/2020 con il raggiungimento della sua prima finale di Coppa Italia, Atlantide Pallavolo è pronta a salutare e ringraziare gli atleti che l’anno prossimo non vestiranno più la maglia dei Tucani, ma che hanno contribuito a centrare un obbiettivo tanto prestigioso in un’annata maledetta.

Oltre che del libero Giuseppe Zito, rientrato a metà aprile in Sicilia, da dove ha salutato via social i tifosi e la società, si parla anche di Roberto Festi, Massimo Ostuzzi, Michele Malvestiti e Giovanni Ceccato.

“Di Peppe Zito mancheranno lo spirito e il buon umore, ma siamo sicuri di ritrovarlo sotto rete, sempre con un sorriso. E’ stato un ottimo campionato per il libero siculo e lo ringraziamo per l’impegno con cui ha onorato la maglia di Brescia”, commenta coach Zambonardi.

Roberto Festi, arrivato da Spoleto con umiltà e tanta voglia di fare, se ne va dalla città lasciando un segno più che positivo. La sua determinazione ha permesso al centrale trentino di stare in campo per i 19 incontri di Regular Season e per quelli di Coppa, giocando sempre con generosità e meritandosi la quinta piazza nella classifica dei suoi pari ruolo.

“Ancora una volta il passaggio in Atlantide ha permesso ad atleti meno abituati ai riflettori di mettersi in luce – continua il tecnico bresciano – Come è già capitato in passato, mi vengono in mente Codarin ed Esposito, anche quest’anno sia per Festi che per Zito il San Filippo è stata una ribalta luminosa. Sono molto contento che Brescia si confermi un trampolino di lancio o una piazza per il rilancio di validi giocatori”.

Per i giovanissimi Ceccato, Ostuzzi e Malvestiti un ringraziamento speciale: non è facile lavorare tanto in allenamento per garantirne il livello tecnico per i titolari e magari dover entrare dalla panchina in una fase cruciale del match. Loro sono stati pronti e disponibili e speriamo che a Brescia abbiano avuto un primo assaggio del futuro prossimo che contiamo sia pieno di nuove sfide e affermazioni sul campo.

La prossima serie A2 manterrà un campionato a 12 squadre con una promozione in Superlega: Calci e Materdomini Castellana Grotte hanno ceduto i diritti rispettivamente a Cuneo (lo scorso anno in A3) e Taranto (che torna in serie A dopo dieci anni), mentre a Brescia il presidente Ieraci e coach Zambonardi stanno lavorando per finalizzare l’accordo con un centrale di grande valore e per strutturare un roster che mantenga lo standard qualitativo delle ultime stagioni.

Nonostante al momento non si sappia ancora quando e come ripartirà la serie A2, il mercato si sta muovendo e Atlantide è pronta a continuare il suo cammino al fianco dei suoi sponsor, per inseguire il sogno Superlega e riportare Brescia sotto i riflettori del grande volley, come è stato a Bologna nella finale di Coppa di fine febbraio, prima che la pandemia stravolgesse i piani di tutti.