Jervolino e Kiossev: un grande passato nel futuro della nuova Atlantide!

L’Atlantide costruisce un nuovo futuro partendo da un grande passato! 

Due volti noti della pallavolo Brescia anni 90, che seppe conquistare la Serie A1, presentati in Loggia mercoledì, ospiti del Sindaco Emilio Del Bono.

Paolo Jervolino è il nuovo direttore tecnico del settore giovanile maschile e 2^ allenatore della A2, mentre Borislav Kiossev,  vice presidente Federazione Pallavolo Bulgara, è il nuovo ambasciatore Europeo Atlantide. 

Obiettivo: un settore giovanile sempre più qualificato e un filo diretto con i giovani pallavolisti internazionali più promettenti. In comune presenti anche Giuseppe Zambonardi, Roberto Zambonardi, Gianni Ieraci, Maurizio Mazzotti e Simone Tiberti.

Zambonardi: “Due profili che ci faranno crescere tantissimo”    

Brescia – Inizia con netto anticipo la programmazione della stagione 2018/2019 della Centrale McDonald’s Atlantide Pallavolo Brescia, sia per quanto riguarda la prima squadra prossima al quinto Campionato di Serie A2, sia per quanto concerne il settore giovanile.

Nella conferenza stampa di Palazzo Loggia di mercoledì 30 maggio, alla presenza del Sindaco di Brescia  Emilio Del Bono, del main sponsor McDonald’s, di capitan Tiberti  e dello staff societario, sono stati infatti presentati Paolo Iervolino e Borislav Kiossev.

Il primo, originario di Ottaviano (Napoli) ex schiacciatore della Pallavolo Brescia che peraltro portò in serie A1 nel ruolo di schiacciatore all’inizio degli anni ’90 , oggi è apprezzato tecnico a livello giovanile  oltre che pioniere nel mondo dello sport su sabbia nella provincia di Brescia grazie alla sua creatura , Arena Beach, impianto sportivo sito in Franciacorta e dedicato esclusivamente agli sport su sabbia. Verrà inserito nell’organico societario con il ruolo di

 Direttore Tecnico del settore giovanile, ruolo condiviso con Roberto Zambonardi, deus ex machina dei tucani, e sarà inoltre il secondo allenatore della prima squadra.

Borislav Kiossev, ad oggi Presidente della Federazione di Pallavolo della Bulgaria, prossimo al ruolo di ambasciatore per l’Atlantide Pallavolo Brescia in Europa, fu compagno di squadra di Iervolino ed indimenticato protagonista della promozione della Siap Brescia  che nel 1990/1991 conquistò la storica promozione in A1, portando la città della Leonessa nell’Olimpo del Volley italiano. 

 Il Sindaco di Brescia ha commentato : “ Noi come amministrazione ci sentiamo di essere al fianco del mondo Atlantide per la crescita costante sia nel settore giovanile che nella prima squadra. E’ inoltre una Società che, come oggi dimostrato, non smette mai di stupirmi per la capacità di allargare il perimetro delle relazioni e delle conoscenze”.

I due protagonisti sono stati introdotti da un entusiasta Presidente Giuseppe Zambonardi e dallo stesso coach Roberto Zambonardi, che ha evidenziato l’ulteriore salto di qualità compiuto dalla Società.

Paolo Iervolino, neo direttore tecnico sia nella prima squadra che nel settore giovanile, è raggiante: “Ringrazio Zambonardi per la grande opportunità  offertami di lavorare in tandem insieme a lui: obbiettivo è quello, nell’arco di un anno o due, di creare uno staff di alto livello per avere talenti da curare e portare in prima squadra. Il fatto poi di trovarmi ad allenare con lo stesso Roberto la prima squadra mi regala una grandissima emozione”.

Anche Borislav Kiossev, neo ambasciatore dell’Atlantide in Europa, si è dichiarato soddisfatto della nuova collaborazione: “A Brescia ho passato due anni splendidi e per me è sempre una grande emozione ritornarci. Sono felicissimo di iniziare questa collaborazione con l’Atlantide – ha concluso il bulgaro, donando al Sindaco il proprio vino-  in un anno dove la federazione che rappresento e quella italiana organizzeranno i Mondiali”.

Per i due nomi in entrata, uno invece è in partenza: si dividono  le strade tra l’Atlantide Pallavolo Brescia ed il secondo allenatore della prima squadra della stagione appena conclusa, Roberto Rotari, cui la Società bresciana riconosce la grande professionalità per il lavoro profuso, che ha contribuito a  far raccogliere i frutti di una grandissima annata.