Serie A2M: scacco a casa della capolista

– IMPRESA DEI TUCANI che espugnano il campo della capolista Lagonegro per 3/1 … concludendo in bellezza con una straordinaria impresa il girone di andata della Pool Salvezza e mantenendo il secondo posto in classifica.

grandi ragazzi !

 

 

dal nostro Ufficio Stampa, Fabrizio valli

Centrale del Latte McDonald’s Brescia: LA VITTORIA DELLA CONSAPEVOLEZZA

I tucani espugnano il campo della capolista, rimontando un set, fornendo una grande prova in tutti i reparti

Eccola!!! La vittoria che non ti aspetti e che regala nuove speranze alla Centrale McDonald’s Brescia!

Dopo quasi 3 mesi di batoste e di ritorni mesti su aerei, treni, autobus, con i pensieri che man mano si allontanava il campo della trasferta appena calcato per far ritorno nella città della Leonessa, allontanavano anche le speranze di una salvezza da conquistare in questa pool combattutissima.

E non è che sia cambiato molto dal punto di vista della classifica, perché Ortona battendo 3 set a 0 Montecchio è lì ad un passo dalla squadra di Zambonardi (che tuttavia ha allungato di 1 punto sulla terza in classifica Cantù), e ci sono ancora 5 partite da giocare (tutte quelle del girone di ritorno), con Agnellini and company che scenderanno in campo 3 volte in casa, rispetto alla stessa Ortona che avrà invece 3 trasferte su 5 match.

Cambia pero’, eccome se cambia! Cambia molto in consapevolezza dei propri mezzi, partendo innanzitutto dal presupposto che una squadra quando cade, si rialza ed impara nuovamente come si vincono le partite, va incontro ad una vera e propria rinascita a livello mentale, dove tutto appare meno difficile e, per gli avversari, nulla di scontato.

Per la verità, anche a Lauria contro la prima della classe Lagonegro, i tucani hanno provato a complicarsi la vita nel primo set perso 10-25, preludio ad un disastro sportivo.

Poi ecco che improvvisamente la luce si accende: Torre sale in cattedra in cabina di regia, Cisolla ringiovanisce di 10 anni, Bisi spara cannonate precise e vincenti, Agnellini mura e chiude tutto e tutti con gli altri, che seguono in coro, e vincono un set riagguantato sul finale dai padroni di casa, ma che Brescia porta a casa 27-25 meritatamente.

Lagonegro rivede i fantasmi delle ultime 2 uscite casalinghe con relative sconfitte, e nel terzo set non scende in campo, cosa che invece la Centrale McDonald’s riesce a fare, e pure bene con Fabi (10 punti per lui alla fine) che per tutto il campionato ha atteso il suo momento e non lo spreca giocando una grande partita (onore a lui ed alla sua professionalità). Finisce 25- 14 per Brescia il terzo set.

A questo punto non c’è più nulla che tenga, Brescia va a prendersi anche il quarto set, chiude 3-1 e porta a casa 3 punti, che in trasferta mancavano dal 18 dicembre (3^ di ritorno di regular season).

Nel post partita un Roberto Zambonardi raggiante per i 3 punti elogia il collettivo, ma poi si traveste da pompiere: “strada per la salvezza ancora lunga e molto difficile, tutti concentrati sul prossimo match in casa SABATO 11 MARZO ORE 16,00 AL PALASANFILIPPO contro POTENZA PICENA”.

Zambonardi predica cautela avendone viste tante, troppe in questa stagione, ma forse la trasferta di Lauria contro Lagonegro, è stata qualcosa in più di una semplice partita vinta: è stata la vittoria della consapevolezza, quella che dovrà accompagnare i biancoblu fino ad aprile.

 

fonte Bresciaoggi, articolo di Vincenzo Spinoso

 

fonte Giornale di Brescia, articolo di Alessandro Innocenti Massini

 

Basi Grafiche Geosat Lagonegro- Centrale Del Latte McDonald’s Brescia

1 – 3 (25-10, 25-27, 14-25, 20-25)

Basi Grafiche Geosat Lagonegro: Piazza 2, Galabinov 9, Giosa 9, Kvalen 16, Boscaini 10, Cubito 13, Maiorana (L), Fortunato (L), Zonno 0, Pizzichini 0, Da Silva 1, Gabriele 2, Boesso 0. All. Falabella.

Centrale del Latte McDonald’s Brescia: Torre 2, Tartaglione 0, Esposito 4, Bisi 21, Cisolla 19, Agnellini 6, Statuto 0, Fusco (L), Rodella 7, Fabi 11, Zanardini 0. N.E.: Bonisoli, Tasholli. All. Zambonardi.

NOTE:   Lagonegro Muri 13, ace 6, errori in battuta 11 , 38 % in attacco , in ricezione (24%)46 %; 

Brescia  Muri 15, ace 2, errori in battuta 10 ,48 % in attacco, in ricezione (27%) 49 %. 

Durata set : 21’,34’,22 ’,26 ’ TOT 1H 43’

Arbitri: Caretti, Carcione

600 spettatori

dall’ufficio stampa di Lagonegro

  Domenica 5 Marzo 2017 – 20:38  
PalAlberti ancora stregato
Non riescono a uscire dal black out casalingo i lagonegresi che concedono al Brescia la vittoria

Basi Grafiche Geosat Lagonegro: PalAlberti ancora stregato. Quinta giornata di Pool Salvezza per il campionato di LegaVolley UnipolSai di A2. Anche nella giornata del tifoso il PalAlberti fa registrare il tutto esaurito sugli spalti, per un big macht tanto atteso. Gli uomini di Falabella partono bene nel primo set ma non riescono ad essere costanti. Dopo il recupero in extremis a fine del secondo set i bresciani hanno la meglio e rientrano in campo con una mentalità diversa. Il terzo sono gli ospiti protagonisti e quando arriva la reazione dei lagonegresi nel quarto, i bresciani si fanno aventi di nuovo scappando sul (19-23)Falabella schiera Galabinov e Boscaini come martello, Giosa al centro, Kvalen opposto, Piazza alzatore,  Fortunato libero. Gli ospiti rispondono con Cisolla e Tartaglione schiacciatori, Agnellini e Esposito come centrale, Fusco libero Torre alzatore.

Parte con il piede giusto o meglio con la battuta giusta, la Basi Grafiche Geosat con un vantaggio di (6-2). Il tecnico bresciano richiama i suoi a sedersi, ma al rientro il norvegese li punisce nuovamente e il muro biancorosso continua a picchiare, un fondamentale che in queste ultime partite ha fatto la differenza. Il vantaggio dei bianco rossi si allunga a + 5 (11-6). La Basi Grafiche Geosat mette sempre in difficoltà gli avversari con il suo gioco di difesa-attacco (17-8) con Boscaini che risulta il migliore realizzatore. Sul finale è sempre il muro a decretare le + 12 lunghezze di vantaggio. E’ 1-0 per i lucani.

Si rientra in campo e l’inizio del secondo è sul filo dell’equilibrio. Ma poi è la Centrale Del Latte McDonald’s a portarsi in vantaggio (4-7). Nella fase centrale, la Basi Grafiche Geosat tenta di ripristinare la parità  concedendo agli avversari una sola lunghezza (10-11). La pipe di Galabinov segna il 12 punto per i padroni di casa. Sul + 4 degli ospiti però Falabella mobilita i suoi in panchina, al rientro i biancorossi non riescono ad esprimersi al meglio e sul (13- 18), il tecnico lucano ferma nuovamente il tempo. In questa frazione di gioco, pian piano la squadra riprende a giocare al meglio, entrano in campo Gabriele e Da Silva, lo svantaggio viene dimezzato (20-22). Cubito con mano da felino porta a -1 i suoi.  Kvalen  pareggia i conti:  23 pari. Il PalAlberti esplode, tutti in piedi. Cubito con una zampata registra la seconda parità. Il muro norvegese respinge nuovamente ma i  bresciani si oppongono è di nuovo parità.  Il Video Check decreta dentro la battuta avversaria: sull’ultima palla , questa volta,  il muro lagonegrese non riesce a contenerla. Parità ristabilita nel conteggio set.

Il terzo inizio è una rivisitazione di quello precedente con i lombardi in vantaggio (2-8).  Falabella sceglie di fra entrare Boesso e Zonno per rimescolare le carte e cercare di dimezzare lo svantaggio di + 8. Sembra essersi spento qualcosa in casa Basi Grafiche Geosat, i ragazzi sono smarriti e spaesati,  sembra quasi di non vedere la stessa partita dell’inizio. Il gioco è a senso unico, in campo c’è solo Centrale del Latte McDonald’s che avanza nei set e si porta sul 1-2.

E’ tutto da rifare nel 4 per la capolista. Si parte punto a punto fino al 4 pari. Poi gli ospiti approfittano degli errori dei padroni di casa a e scappano a + 3. Falabella li richiama all’ordine, non si può sbagliare più. Con Piazza al servizio è solo una la lunghezza in più. Basi Grafiche risponde con  il ritrovato muro: 11-11. Si prosegue punto a punto fino all’ennesimo allungo ospite di + 3 (15-18). I tecnici in panchina richiamano il tempo. I tifosi oltre alla tecnica, chiedono agli atleti lucani di giocare con maggiore grinta, la stessa dimostrata nelle ultime gare esterne. Ma nel finale la Basi Grafiche Geosat non riesce a trovare la concentrazione e ancora una volta complice forse la troppa pressione, i lagonegresi non riescono ad ottenere un risultato positivo tra le mura amiche.

“Dalla fine del secondo set siamo rientrati nel black-out che ci sta perseguitando – dichiara Boscaini a fine gara – da dove non riusciamo ad uscire. Siamo veramente dispiaciuti perché avevamo iniziato bene, ci tenevamo tanto a vincere e a ritrovare la vittoria qui nel nostro palazzetto perché ogni volta ce la mettiamo sempre tutta”. Rammaricato lo schiacciatore biancorosso, rientra negli spogliatoi , sapendo che ancora nulla è detto per i verdetti finali e che ci sarà ancora da sudare per ottenere la tanta agognata salvezza.

Share This Post On