Serie A2M: Cantù pareggia la serie delle partite

… In certi momenti della Tua vita, si arriva ad un punto in cui equilibri talmente i tuoi valori e giudizi che basta un nonnulla per far si che una situazione vista in precedenza sotto un certo aspetto positivo si possa ribaltare ed essere vista da un altro aspetto, il negativo.

Oggi sul campo di Cantù è successa questa metamorfosi…. Da atleti gagliardi e grintosi della settimana scorsa ad una ciurma di inguardabili e non giudicabili atleti oggi…..

… se poi oltre a tutto ciò di negativo si aggiunge anche la giornata no degli arbitri che innescano ulteriore nervosismo oltre alla già palpabile tensione in campo, ecco che il tutto diventa, come prestazione sportiva, un misero cocktail da non bere, ma da buttare nel lavandino…

Il primo set parte subito in salita per il Pool Libertas Cantù: grazie a due muri su Caio di Agnellini e Cisolla ed uno su Richards ancora di Agnellini ed a una battuta incisiva di Sorlini, Brescia va subito 1-5, con Coach Della Rosa a fermare subito il gioco. Monguzzi interrompe la striscia positiva bresciana sull’1-7, e dà il là alla rimonta canturina. Coach Zambonardi chiama il suo primo time-out discrezionale (5-7), ma una pipe di Richards mette il punteggio in parità (8-8). Un attacco out di Tartaglione manda Cantù sul +2 (11-9), e Coach Zambonardi vuole parlarci su. Due attacchi fuori di Brescia mandano i canturini avanti di 3 (15-12). Ace di Cisolla, e Brescia torna sotto (18-17). A questo punto entrano in scena gli arbitri che non vedono ben 5 (cinque) palleggi da parte dei canturini ed assegnano il punto a Cantù con cartellino giallo a Cisolla per evidentissime proteste essendo il capitano dei bresciani. Pur con tantissimo nervosismo e tensione Tartaglione e Bisi rimettono il punteggio in parità (20-20). Un ace di Riva rilancia il Pool Libertas (22-20). Due attacchi consecutivi di Richards lanciano i canturini sul set point, chiuso da Caio alla seconda occasione (25-21).

Cantù si lancia sul +2 a inizio secondo set, ma un muro di Tartaglione su Caio riporta le squadre pari (4-4). Una bella serie al servizio di Monguzzi manda il Pool Libertas sul 7-4, e Coach Zambonardi ferma il gioco. Alborghetti e Caio lanciano i canturini sul +5 (12-7), e Coach Zambonardi chiama il suo secondo time-out discrezionale. La palla messa a terra di Monguzzi a chiusura di un’azione confusa aumenta il vantaggio interno a 6 punti, e viene difeso dai padroni di casa con le unghie e con i denti. Zambonardi sostituisce il palleggiatore Torre in sabato confusionale e quasi immobile sul campo con il giovanissimo Statuto. Due veloci di Esposito e un ace di Cisolla riportano sotto i bresciani (18-15), e Coach Della Rosa vuole parlarci su. Al rientro in campo Alborghetti e Richards rimettono il Pool Libertas avanti (22-15). Una veloce di Monguzzi consegna il set point ai padroni di casa, chiuso al primo tentativo da un attacco sull’antenna di Cisolla (25-17).

Anche nel terzo set l’allenatore bresciano conferma in regia il giovanissimo Statuto che inizia subito la sua battuta con un ace ma è il Pool Libertas a scappare avanti guidata da Richards (6-3). Un attacco out di Cisolla, e Coach Zambonardi vuole parlarci su (8-4). Brescia prova a ricucire lo strappo, ma Cantù difende il vantaggio conquistato e lo aumenta con un ace di Monguzzi (16-10). Si prosegue con le due squadre che lottano su ogni pallone, ma il Pool Libertas riesce a non farsi raggiungere dagli avversari. Due ace di Caio e un muro di Monguzzi su Cisolla consegnano il primo match point ai canturini. Richards chiude set e partita al secondo tentativo (25-17).

 

fonte Bresciaoggi, articolo di Vincenzo Spinoso

 

fonte Giornale di Brescia, articolo di Alessandro Massini Innocenti

dall’ufficio stampa di Cantù:

Nell’uovo di Pasqua una vittoria per Cantù. Serie con Brescia di nuovo in pari 

Della Rosa: “Abbiamo battuto meglio, abbiamo avuto un Richards in formato super in attacco. Brescia non ha ripetuto la stessa partita di gara-1”

Queste le parole di Coach Della Rosa a fine match: “Questa vittoria ci dà sicuramente un po’ di fiducia in più. Dopo gara-1 abbiamo capito che questa è una serie alla nostra portata. A Brescia avevamo perso in modo rocambolesco; oggi c’è stata una notevole differenza: abbiamo battuto meglio, abbiamo avuto un Richards in formato super in attacco. Brescia non ha ripetuto la stessa partita di gara-1: i loro attaccanti di palla alta hanno avuto percentuali più basse, e questo ha inciso molto anche perché la ricezione non è stata precisa. Andremo a Brescia per gara-3 con un filo di certezze in più, e convinti che potremo giocarcela fino in fondo”.

 

Pool Libertas Cantù – Centrale del Latte McDonald’s Brescia

3-0 (25-21, 25-17, 25-17)

Pool Libertas Cantù: Gerosa 2, Riva 4, Alborghetti 4, Alexandre De Oliveira 14, Richards 14, Monguzzi 9, Boffi (L), Butti (L), Mazza 0. N.E. Olivati, Groppi, Cordano, Laneri, Cominetti. All. Della Rosa.

Centrale del Latte McDonald’s Brescia: Torre 0, Tartaglione 10, Esposito 4, Bisi 7, Cisolla 7, Agnellini 3, Lazzari (L), Sorlini 1, Crosatti 0, Fusco (L), Statuto 3, Zanardini 0. N.E. Fabi, Bergoli. All. Zambonardi.

ARBITRI: Davide Prati di Pavia e Giorgia Spinnicchia di Catania.

NOTE – durata set: 31′, 25′, 27′; tot: 83′.

Pool Libertas Cantù: battute sbagliate 14, ace 5, ricezione 42%, perfetta 13%, attacco 61%, muri 4

Centrale McDonald’s Brescia:  battute sbagliate 12, ace 5, ricezione 41%, perfetta 17%, attacco 37%, muri 4

 

Share This Post On