Tucani a Reggio Emilia per il penultimo test match pre-campionato

Ultima settimana di preparazione per i Tucani che affrontano la Conad  a Reggio Emilia ed escono sconfitti dal PalaBigi: è un 3-2 che fa però emergere ulteriori passi avanti per la formazione bresciana. Coach Zambonardi avverte: “Mai come quest’anno tutte le squadre sono forti e competitive. Noi lavoriamo sodo per migliorare e raccogliamo ad ogni match qualche conferma in più”

CONAD REGGIO EMILIA – CONSOLI CENTRALE McDONALD’S  3-2 

(25-17; 21-25; 28-26; 23-25; 15-11)

Ad una settimana dalla sfida precedente tra Brescia e Reggio Emilia in occasione del Trofeo Città di Lumezzane, i Tucani hanno nuovamente incontrato la Conad di coach Mastrangelo al PalaBigi per il penultimo test amichevole prima dell’avvio di stagione. L’esito è stato di nuovo favorevole agli emiliani (3-2), in campo con Pinelli incrociato a Suraci, Loglisci e Ippolito in banda, Scopelliti e Mattei al centro e Morgese libero. A disposizione anche Bellei e Ristic, recuperati ma non sfruttati nel test di oggi. Zambonardi schiera Tiberti e Bisi, Galliani e Cisolla laterali con Esposito e Candeli al centro e Franzoni libero.
La prova in crescendo dei bianco blu è di conforto per il tecnico Zambonardi: “Reggio Emilia è partita molto bene, è una squadra che ci ha messo in difficoltà in avvio, soprattutto al servizio e con una efficace correlazione muro – difesa, ma a maggior ragione apprezzo la reazione dei miei che, ottimamente orchestrati da Tiberti, hanno migliorato l’attacco e tenuto testa ad una formazione che conferma l’elevato livello tecnico cui dovremmo abituarci in stagione. Dobbiamo certamente lavorare sul muro, ma ho visto miglioramenti sia in ricezione che al servizio”.

Primo set decisamente a favore di Reggio Emilia che chiude 25-17 con una migliore qualità in battuta e una fase di ricostruzione aggressiva, mentre il secondo parziale vede una Consoli Centrale McDonald’s più cinica dai nove metri e più precisa in ricezione, che porta il bilancio in pareggio (21-25).
Battaglia nel terzo parziale, deciso ai vantaggi da Suraci che approfitta di un pasticcio nella seconda linea bresciana e piazza l’ace del 28-26.
Dal quarto set Zambonardi inserisce i giovani con la regia di Cogliati, e mantiene in campo i pilastri più anziani Candeli e Crosatti. Brescia vince sul filo (25-23); Orlando resta in campo anche nel tie break, perso di un soffio (15-11), ma è il top scorer del match con 21 punti a tabellino