Brescia non graffia e torna da Lagonegro senza punti

Al PalaAlberti Brescia gioca senza mordente e lascia il campo ad una Lagonegro che centra una gara perfetta. Nessun dramma: ora per la Centrale Sferc McDonald’s due gare al San Filippo e l’impegno di Coppa Italia

Lagonegro (PZ) – La ricezione e il servizio bianco blu non girano al meglio, ma è la poca cattiveria messa in campo da  Brescia a rendere a Lagonegro la vita più facile. Finisce 3-0 per i padroni di casa che giocano un gran match e sconfiggono nettamente i Tucani.

Squadre schierate con Tiberti e Bisi, Cisolla e Milan laterali, Valsecchi e Mijatovic al centro e Leo Scanferla libero. I padroni di casa partono con Boswinkel incrociato al regista Pedron,è il punto debole di Brescia in avvio Galabinov e Barreto in banda, mentre al centro ci sono Calonico e Marra. Il libero è Nicola Fortunato.

Tre battute vincenti aprono il set in favore dei padroni di casa che vanno 4-1, ma qualche errore dei terminali d’attacco lucani permette a Brescia di impattare a 5. Boswinkel e Barreto da una parte, Bisi e Cisolla dall’altra, se le suonano, ma sono i due muri di quest’ultimo a portare i Tucani al break che vale il 7-8. Il servizio di Lagonegro inizia però a farsi sentire e trascina 13-9; un ottimo Calonico porta avanti i suoi 19-16 in primo tempo. Zambonardi inserisce Rodella, Crosatti e Catellani al servizio, ma non basta: la Geosat sbaglia solo qualcosa dai nove metri e può chiudere 25-22.

Brescia insegue con Cisolla, ma Pedron riesce agilmente a smarcare i suoi che attaccano con precisione e forza. Galabinov fa il resto con sei battute pesanti che scavano il primo solco (11-5). Lagonegro dilaga: tocca tutto a muro, difende e trova in Barreto il protagonista del set (14-7), mentre i Tucani giocano senza ritmo e senza mordente e subiscono un parziale pesante (19-11). Tasholli, inserito nel finale con Catellani mette a terra un pallone, ma Lagonegro vola 25 -15.

Mijatovic a segno per il 1-3; migliora la difesa bresciana e le giocate sono più equilibrate (6-8), ma l’attacco di Brescia non impensierisce i lucani che tornano avanti con gli ace di Boswinkel e Galabinov 15-12. Rodella – in campo dietro per Milan – accorcia al servizio (18-17), ma la palla out di Cisolla del 20-17 è la misura della serata no della Centrale Sferc McDonald’s. Calonico a segno su Mijatovic, Barreto si fa beffe del muro bresciano e conquista il match ball; Milan ne annulla uno con un bel muro, ma il fischio finale arriva subito dopo, sul 25-23.

Zambonardi: “I nostri avversari hanno fatto una gran partita, mentre a noi è mancata un po’ di cattiveria agonistica, quella spavalderia che ci ha già fatto superare molte difficoltà. Il tie break contro Mondovì ci ha tolto energia e la sconfitta in casa con Potenza Picena ci ha forse tolto tranquillità; abbiamo giocato con poca aggressività al servizio, mettendo loro in condizione di attaccare sempre e poi ci siamo innervositi, ma ho visto anche qualcosa di buono stasera. Ora ci aspetta Reggio Emilia, altra squadra forte contro cui vogliamo strappare punti per continuare a garantirci un posto nelle prime quattro posizioni e per farci tornare quella fame, quella scossa che oggi non è arrivata”.

Tabellino

GEOSAT GEOVERTICAL – CENTRALE SFERC McDONALD’S  3 – 0   

(25-22; 25-15; 25-23)

Geosat-Geovertical Lagonegro:, Fortunato, Calonico 9,  Del Vecchio, Pedron 1, Boswinkel 13, Marra 5, Galabinov 14, Barreto 14. Ne: Maccabruni, Ribezzo, Turano, Maiorana, Sardanelli, Di Coste. All. Falabella

Brescia: Tiberti 2, Bisi 10, Cisolla 7, Milan 10, Valsecchi 5,  Rodella 1, Scanferla (L), Mijatovic 6,  Tasholli 1, Crosatti. Ne: Candeli. All. Zambonardi

Muri: Brescia 9, Lagonegro 7
Ace: Brescia 3, Lagonegro 5
Battute sbagliate: Brescia 7, Lagonegro 14
Errori: Brescia 19, Lagonegro 18

Durata set: 23’,23’, 28’. Arbitri: Talento e Autuori