Comitato 4.0: Atlantide sostiene l’appello di Lega per aiutare lo sport
Giu29

Comitato 4.0: Atlantide sostiene l’appello di Lega per aiutare lo sport

Anche l’Atlantide Pallavolo Brescia si unisce all’appello lanciato dalle principali Leghe sportive italiane partecipanti al Comitato 4.0 rivolto al Governo: approvare subito il credito di imposta sulle sponsorizzazioni per dare certezze a club e partner commerciali Di seguito si riporta il comunicato integrale diffuso dalla LegaVolley. L’appello delle principali Leghe sportive italiane al Governo: approvare subito il credito di imposta sulle sponsorizzazioni per dare certezze a club e partner commerciali. Un’agevolazione fiscale senza costi effettivi per l’Erario che salvaguarda l’attività agonistica e la funzione sociale degli sport olimpici ma anche il diritto di migliaia di ragazze e ragazzi di praticare sport di alto livello L’allarme lanciato dal Comitato 4.0: sport di vertice e professionale a rischio senza un’approvazione rapida del credito d’imposta sulle sponsorizzazioni nell’ambito della conversione in legge del Decreto Rilancio. Senza certezze e senza l’apporto degli sponsor un terzo delle società e delle associazioni sportive non è certa di rinnovare l’iscrizione alla prossima stagione sportiva. Il 98% delle società prevede, infatti, una riduzione delle sponsorizzazioni che si traducono in una perdita dei ricavi medi del 40%. La perdita di gettito fiscale derivante dal mancato rinnovo dell’iscrizione ammonterebbe a 73 milioni di euro. Nell’attuale stato di incertezza il 95% delle realtà che si iscriveranno ai prossimi campionati hanno comunque stimato una riduzione del volume di affari e di conseguenza degli ingaggi del 26%, corrispondente a un minor gettito pari 39 milioni di euro. La perdita potenziale di gettito, senza aiuti strutturali, è quindi pari a 112 milioni. Il credito d’imposta per la fascia di vertice dello sport italiano (escluse le società con oltre 15 milioni di fatturato) costerebbe 96 milioni di euro, quindi sarebbe ampiamente ripagato dalla messa in sicurezza del gettito tributario dello sport. Non c’è più tempo. Tra la metà e la fine di luglio si chiuderanno i termini per le iscrizioni nei principali campionati italiani maschili e femminili di basket, volley, rugby e degli altri sport olimpici. Per effetto della crisi economica dovuta al prolungato lockdown per la pandemia di Covid-19 e senza certezza sulla possibilità di fruire del credito d’imposta tantissimi sponsor non hanno ancora confermato il proprio apporto per la prossima stagione. Sono molti già i casi di società che hanno fatto un passo indietro. I danni che si profilano per lo sport di vertice e professionale sono già rilevanti. Ma senza mettere in sicurezza quella fascia dello sport italiano che svolge un imprescindibile ruolo di “ascensore” nella piramide sportiva si rischia di provocare danni duraturi al movimento. L’impoverimento dello sport di vertice e la riduzione del suo perimetro significa infatti negare a centinaia di migliaia di ragazzi e di ragazze che si...

Andrea Orlando, un giovane gigante in Atlantide
Giu24

Andrea Orlando, un giovane gigante in Atlantide

Andrea Orlando, un giovane gigante in Atlantide Ha 19 anni, è alto 205 centimentri e arriva da Milano con tanta voglia di crescere e fare un altro importante passo nella sua giovane carriera. Andrea Orlando da oggi ufficialmente entra a far parte del gruppo di centrali dell’Atlantide Pallavolo Brescia 2020-2021. La firma sul contratto è arrivata mercoledì pomeriggio a Brescia presso la Farmacia Castello, storico partner di Atlantide. “Sarà un anno molto importante per me – ha spiegato il giovane centralone ai microfoni della società che lo presenterà ufficialmente alla stampa nelle prossime settimane – ho un unico obiettivo: migliorare sia dal punto di vista personale sia dal punto di vista tecnico! Il primo grande salto è stato quando sono uscito di casa andando a vivere da Rieti a Milano tre anni fa. Li sono cresciuto molto insieme ad altri giovani e ho capito che avrei potuto provare a diventare un vero giocatore. Dopo tre campionati tra under 18 e serie B oggi mi affaccio alla Serie A2 di Brescia con grandi aspettative, ma con la giusta umiltà.” La sua storia è presto raccontata: a 13 anni Andrea muove i primi passi nelle giovanili di Rieti dove però esiste solo la palalvolo femminile. Si muove ben presto, supportato dalla famiglia prsente al completo a Brescia, destinazione Volley Team Monterotondo, una società della provincia di Roma che dopo solo un anno e mezzo di pallavolo lo lancia nella mischia dei campionati regionali (in Serie C) a soli 15 anni. Forte a muro, con le braccia lunghissime e un’intelligenza pallavolistica non comune, ruba l’occhio degli addetti ai lavori. Si mette in mostra nel Trofeo delle Regioni con il Lazio ed entra nel giro delle nazionali giovanili di cui fa tuttora parte. Nell’estate 2017 il primo grande salto destinazione Volley Segrate vivaio della Revivre Milano, con la quale vince lo scudetto under 18. L’anno successivo il passaggio nella serie B dove Andrea cresce ancora anche grazie al coinvolgimento negli allenamenti della prima squadra di Superlega. Allenamenti che continuano anche in questa mezza stagione con il passaggio nella sere B milanese dei Diavoli Rosa. Molto soddisfatto il tecnico Roberto Zambonardi: “Come in passato con atleti come Codarin o Esposito (che sarà suo compagno di squadra a Brescia) l’Atlantide si propone ancora una volta come una piazza ideale per la crescita tecnica e caratteriale dei futuri campioni. Seguivamo Andrea e avevamo già avuto contatti con Milano a Dicembre. Non abbiamo dubbi sulla sua crescita!”. ANDREA ORLANDO BOSCARDINI Ruolo Centrale Altezza 205 cm Nascita Rieti, 25/01/2001 CARRIERA 2014/2017 Giovanili/Serie D Volley Montorotondo 2017/2018 Under18/Serie B Volley Segrate 2018/2019 Serie B Powervolley Milano 2019/2020 Serie B...

Franzoni e Crosatti: prime conferme in Atlantide
Giu18

Franzoni e Crosatti: prime conferme in Atlantide

Andrea Franzoni, confermato, sarà il primo libero dei Tucani, affiancato da Paolo Crosatti che prosegue la sua missione con la maglia bianco blu dalla seconda linea. Brescia, 18 giugno 2020 – Le prime conferme per la stagione 2020-2021 definiscono la linea di difesa dei Tucani che promuovono Andrea Franzoni come primo libero e sfruttano le doti in ricezione di Paolo Crosatti per affiancarlo nello stesso ruolo. “E’ emozionante poter tornare a parlare di futuro e fare progetti per potersi mettere in gioco – attacca il presidente Ieraci, ospite della prima presentazione dal vivo presso il suo ristorante McDonald’s di Elnòs – Sarà un anno molto complicato per lo sport, ma è dalle difficoltà che nascono spesso le opportunità: noi puntiamo su Brescia e sui suoi talenti, sulla forza di un gruppo consolidato, fatto da atleti come Crosatti e Franzoni, che sarà ancora capace di fare crescere i giovani inserimenti in arrivo”. Andrea, bresciano di 31 anni, si è formato nella Gabeca Montichiari e ha poi costruito gran parte della sua esperienza con la maglia di Bergamo. Questo sarà il suo quarto anno in A2; in precedenza ha giocato in serie B a Cagliari e a Campiglia dei Berici (VI). E’arrivato a Brescia come ultimo acquisto lo scorso anno e “Si è rivelato un ottimo inserimento – garantisce Zambonardi -. Ha una qualità tecnica altissima e una potenzialità enorme. E’ una professionista umile e disponibile che, anche quando avrebbe potuto pretendere più spazio, ha preferito non scombinare equilibri in rosa. Quando chiamato in campo, si è sempre fatto trovare pronto: nella scorsa stagione è cresciuto molto e, continuando a lavorare, credo che si toglierà parecchie soddisfazioni,oltre a darle a noi”. “Sono molto contento della scelta del mister e non vedo l’ora di ripartire con la preparazione in vista di un campionato che si preannuncia di livello altissimo”, conferma il libero. Per Paolo Crosatti, veterano dei Tucani, ancora una chiamata alle armi. Lo schiacciatore, che con i Tucani ha condiviso prima la scalata e poi la promozione in serie A, ha una sfida nuova da affrontare per la sua ennesima stagione in bianco blu: sarà il secondo libero di Atlantide.  “Rappresentare la mia città in ambito sportivo è da sempre motivo di orgoglio e portare Brescia sotto i riflettori della Coppa Italia è stata una emozione enorme. Ripartire con una nuova esperienza è un grande stimolo: dovrò lavorare e prepararmi per mantenere alto il mio livello di ricezione – che è il mio fondamentale di riferimento – e migliorare la mia reattività in difesa. Farlo al fianco di Andrea mi sembra un’ottima opportunità”. Il suo contributo sarà prezioso non solo in...

Espo is back!
Giu08

Espo is back!

Il centrale di Cuneo, già in maglia bianco blu per il biennio 2016-2018, è il primo acquisto del club cittadino, al lavoro per costruire un roster competitivo per l’annata a venire  Un grande ritorno al centro per la squadra di Zambonardi: Davide Esposito vestirà di nuovo la maglia bianco blu per la stagione 2020/2021. Classe 1995, 203 centimetri di potenza e già due annate trascorse a Brescia dal 2016, il centrale cuneese ha trovato proprio al San Filippo l’occasione di mettersi in luce e di conquistarsi la chiamata in Superlega. Assieme a Lorenzo Codarin componeva la coppia di centrali che nel 2018 risultò essere la più efficace del campionato e per l’anno successivo arrivò l’ingaggio nella massima serie, a Sora, dove Espo ha giocato 20 set e conquistato un onorevole nono posto al termine della regular season. “La Superlega mi ha dato delle emozioni indescrivibili e tanta esperienza che conto di portare con me per la stagione con i Tucani – conferma il centrale -. Ho lavorato molto in questi ultimi anni e sono davvero contento di tornare a Brescia, che è come casa per me: con coach Zambonardi sono sempre rimasto in contatto e l’ottimo rapporto con lui e la società è uno dei motivi che mi han fatto scegliere di rientrare”. Davide è poi tornato a giocare in A2 con la maglia di BCC Castellana Grotte all’inizio della scorsa stagione, ma a novembre si è trasferito a Mondovì, scambiandosi con Luca Presta. Con entrambe le divise ha battuto i Tucani al tie break, nel match d’esordio in Puglia all’andata e nella terza giornata di ritorno a metà gennaio tra le mura monregalesi: come a dire che Espo è certamente meglio averlo come compagno di squadra, che come avversario… Agli inizi della sua carriera ha fatto parte del progetto federale del Club Italia giocando in quegli anni con la nazionale Under 23 di coach Totire e ha debuttato nella serie cadetta con la maglia di Tuscania sotto la guida di Paolo Tofoli, prima di farsi conoscere e ammirare a Brescia.  “Siamo felicissimi del rientro di Davide – commenta il presidente Ieraci -: è un centrale di grande qualità il cui talento ci aveva già impressionato al suo arrivo a Brescia nel 2016. Torna arricchito anche da un’esperienza in Superlega che, unita alla passione e ai valori umani che contraddistinguono questo atleta, lo rendono un’arma perfetta da inserire nel roster competitivo che stiamo allestendo. Vogliamo garantire ai nostri tifosi e agli sponsor un altro campionato di qualità”. CARRIERA   2019/2020       A2       Synergy Mondovì                                          dal 30/11/2019 2019/2020       A2       BCC Castellana Grotte                                  fino al 26/11/2019 2018/2019       A1       Globo...

Atlantide, arrivano i primi saluti
Giu06

Atlantide, arrivano i primi saluti

Archiviata la stagione 2019/2020 con il raggiungimento della sua prima finale di Coppa Italia, Atlantide Pallavolo è pronta a salutare e ringraziare gli atleti che l’anno prossimo non vestiranno più la maglia dei Tucani, ma che hanno contribuito a centrare un obbiettivo tanto prestigioso in un’annata maledetta. Oltre che del libero Giuseppe Zito, rientrato a metà aprile in Sicilia, da dove ha salutato via social i tifosi e la società, si parla anche di Roberto Festi, Massimo Ostuzzi, Michele Malvestiti e Giovanni Ceccato. “Di Peppe Zito mancheranno lo spirito e il buon umore, ma siamo sicuri di ritrovarlo sotto rete, sempre con un sorriso. E’ stato un ottimo campionato per il libero siculo e lo ringraziamo per l’impegno con cui ha onorato la maglia di Brescia”, commenta coach Zambonardi. Roberto Festi, arrivato da Spoleto con umiltà e tanta voglia di fare, se ne va dalla città lasciando un segno più che positivo. La sua determinazione ha permesso al centrale trentino di stare in campo per i 19 incontri di Regular Season e per quelli di Coppa, giocando sempre con generosità e meritandosi la quinta piazza nella classifica dei suoi pari ruolo. “Ancora una volta il passaggio in Atlantide ha permesso ad atleti meno abituati ai riflettori di mettersi in luce – continua il tecnico bresciano – Come è già capitato in passato, mi vengono in mente Codarin ed Esposito, anche quest’anno sia per Festi che per Zito il San Filippo è stata una ribalta luminosa. Sono molto contento che Brescia si confermi un trampolino di lancio o una piazza per il rilancio di validi giocatori”. Per i giovanissimi Ceccato, Ostuzzi e Malvestiti un ringraziamento speciale: non è facile lavorare tanto in allenamento per garantirne il livello tecnico per i titolari e magari dover entrare dalla panchina in una fase cruciale del match. Loro sono stati pronti e disponibili e speriamo che a Brescia abbiano avuto un primo assaggio del futuro prossimo che contiamo sia pieno di nuove sfide e affermazioni sul campo. La prossima serie A2 manterrà un campionato a 12 squadre con una promozione in Superlega: Calci e Materdomini Castellana Grotte hanno ceduto i diritti rispettivamente a Cuneo (lo scorso anno in A3) e Taranto (che torna in serie A dopo dieci anni), mentre a Brescia il presidente Ieraci e coach Zambonardi stanno lavorando per finalizzare l’accordo con un centrale di grande valore e per strutturare un roster che mantenga lo standard qualitativo delle ultime stagioni. Nonostante al momento non si sappia ancora quando e come ripartirà la serie A2, il mercato si sta muovendo e Atlantide è pronta a continuare il suo cammino al fianco dei suoi...