Siena non fa sconti e pareggia il conto dell’andata
Gen12

Siena non fa sconti e pareggia il conto dell’andata

Sarca Italia Chef Centrale parte forte, poi subisce il contraccolpo del secondo set in cui spende molto senza concretizzarlo; lotta nel quarto, ma Siena è più concreta e si riprende il 3-1 subito nel match di andata. Ora la Coppa, mercoledì sera a Ortona Siena – Grande pressione in avvio da parte del muro e dell’attacco bresciano; match che procede con rincorse e agganci, con Siena che nel secondo set scappa, ma Brescia non arretra e cede ai vantaggi, consumando molta energia e ripartendo scarica nel terzo set, da dimenticare. Si ricompatta nel quarto e sfiora il tie break, negatole da un’avversaria più determinata e più efficace in attacco. Graziosi schiera Falaschi e Romanò sulla diagonale principale; Milan e Mariano sono i terminali d’attacco laterali, mentre al centro ci sono Zamagni e Gitto; Marra è il libero. Zambonardi parte con Tiberti e Bisi, Cisolla e Galliani laterali, Festi e Mijatovic al centro con Zito libero. Muro protagonista con Mijatovic che blocca due volte l’attacco di casa (1-4); accorcia Gitto, ma il doppio errore di Romanò permette a Brescia di scappare 4-10, grazie all’ottimo turno al servizio del centrale sloveno. L’ace di Mariano e la botta di Romanò tengono lì i toscani (11-13). Brescia scivola su un paio di palle in ricezione e Siena aggancia a 16; Tiberti stampa Milan e strappa ancora (16-19); Mijatovic è granitico su Romanò per il 18-22; due errori di casa aiutano la conquista del primo set (20-25) Brescia macina ancora col muro di Festi e con Cisolla che mette l’ace del 6-9. I Tucani subiscono in ricezione: Romanò infila tre missili che valgono il sorpasso 14-13. Il muro di Milan si aggiusta e ferma Bisi, poi la banda toscana assesta il primo break importante, concluso dall’ace di Mariano (19-15). Brescia trova il cambio palla sul 20-16 e si rifà sotto con buon turno di Cisolla dai nove metri e con Gallo potente per il 21-20. I nervi restano saldi, ma a Galliani non riesce la palla break che sarebbe valsa il 23-24 e ai vantaggi la chiude Siena 27-25. Mariano per il 3-0, Galliani spara out il 5-1; Romanò trova il block di Ciso 3-6, ma Siena spinge e Brescia si smarrisce, cedendo in tutti i fondamentali, a partire dalla ricezione. Milan si carica e con tre ace consecutivi vola 17-7, seguiti da altri due di Romanò che agevolano il 25-11 finale. Brescia riparte con grinta 0-2 ma il muro di Siena c’è: l’equilibrio lo rompe il break di Galliani 11-13, ma un’indecisione in attacco dei Tucani permette il nuovo aggancio. Le squadre difendono e, quando Brescia sembra cedere qualcosa in grinta, Ciso trova...