Brescia si ferma sul match point : il derby è ancora bergamasco
Dic28

Brescia si ferma sul match point : il derby è ancora bergamasco

Sarca Italia Chef Centrale domina i primi due set ma non riesce a chiudere il terzo e ne subisce il contraccolpo: al tie break, con un’Olimpia di nuovo fiduciosa, non c’è più storia. In Coppa ora c’è Ortona Bergamo – La “partita del sorriso” – legata alla lotteria che raccoglie fondi per la Onlus Amici della Pediatria dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo – si chiude con la vittoria dei padroni di casa che ribaltano un risultato praticamente scritto e vanno a vincere al tie break. Dopo una partenza fulminante di Brescia che pareva aver steso i padroni di casa, nel terzo parziale i Tucani sciupano l’occasione di chiudere il match e Bergamo torna in partita con la grinta che le permette di intascarsi la vittoria. In Coppa per Brescia ci sarà Ortona. Starting six: Olimpia in campo con Garnica in regia incrociato a Wagner, Della lunga e Tiozzo in banda, Erati e Cargioli al centro con Fusco libero. Zambonardi deve rinunciare a Ristic, infortunatosi al piede destro giovedì in allenamento, e a Candeli, che si fa male al termine del riscaldamento, e parte con Tiberti e Bisi, Cisolla e Galliani laterali, Festi e Mijatovic al centro con Zito libero. Tucani attenti e efficaci in avvio: Festi fa ottima guardia a rete, mentre Cisolla non teme il muro orobico e se lo porta a spasso per il 6-11; Spanakis inserisce Preti per Della Lunga. Mijatovic a segno in primo tempo non basta: ace di Wagner sulla riga e un paio di errori in attacco per Brescia e i padroni di casa son lì (16-17). Festi stampa Wagner per il 18-22 e Brescia si aggiudica il primo set con un 67% in attacco che fa la differenza. Brescia spinge e Bisi obbliga Spanakis al primo time out sul 2-6. Ottimo turno dai nove metri dell’opposto bianco blu che stacca ulteriormente: il murone di Tiberti fa il rumore del 4-11 e Bergamo vacilla. Brescia difende, Galliani vola, Bisi pennella le linee e Mijatovic si prende il set ball che si chiude con il quinto errore in battuta  di Olimpia (15-25). Della Lunga è confermato in campo e il match si fa più equilibrato: Bergamo ritrova fiducia e prova ad andare sul 10-7, mentre Brescia sbaglia qualcosa in più in battuta. Galliani sale in cattedra e ricuce il distacco con un block e un paio di colpi dei suoi (17-16). Bisi picchia, Tiozzo non passa e il turno al servizio di Tiberti si chiude con il pareggio a 18. Punto a punto con grinta – e con tre errori consecutivi al servizio per Brescia -, ma la battuta di Festi mette in...

Tucani verso il derby con il pass per la Coppa Italia in tasca
Dic26

Tucani verso il derby con il pass per la Coppa Italia in tasca

Sarca Italia Chef Centrale in trasferta al PalaAgnelli per il derby con l’Olimpia degli ex Fusco e Signorelli. Pass per la Coppa Italia già assicurato per entrambe le formazioni, grazie alla sconfitta di Santa Croce Brescia – Ultima di andata per Brescia e Bergamo che giocano il posticipo del Boxing Day sabato sera in casa di Olimpia con il pass per i quarti di Coppa Italia già in tasca. Il turno di Santo Stefano ha dato il suo responso rispetto alle altre quattro squadre ammesse che, con la sconfitta di Santa Croce, sono Siena, Calci, Ortona e BCC Castellana Grotte. La partita di sabato per i Tucani definisce l’avversaria – Castellana Grotte in caso di vittoria e Ortona in caso di sconfitta – e il piazzamento finale:  il quarto posto significa giocare in casa, mentre il quinto e il sesto prevedono una trasferta. “La qualificazione alla Coppa è comunque una soddisfazione, ma resta il rammarico per la sconfitta della scorsa domenica anche per questo – ammette coach Zambonardi -. Avere il quarto posto sicuro ci avrebbe evitato uno spostamento pesante. Pazienza, guardiamo avanti e pensiamo al campionato, per ora. Sabato cercheremo di gestire il match con Olimpia con le carte che abbiamo, facendo tesoro della battuta d’arresto contro Cantù. Abbiamo qualche acciacco con cui fare i conti, ma siamo determinati a fare una partita grintosa, davanti ad un tifo corretto, che sappiamo essere sempre molto acceso”. Sarca Italia Chef Centrale del Latte prova a ritrovare la grinta e l’aggressività che è mancata nella partita con Cantù e il derby è un’occasione da non perdere per proseguire la marcia verso la salvezza che, per i Tucani, resta l’obiettivo da raggiungere al più presto. Olimpia ha perso l’ultimo turno contro Mondovì al tie break e ha al suo attivo sei vittorie e quattro sconfitte, come Brescia, ma con un punto in meno in classifica: sono quinta e sesta al momento.  Per Spanakis la formazione tipo prevede Garnica in regia incrociato a Wagner, Della lunga e Tiozzo in banda, Erati e Cargioli al centro con Fusco libero. Una squadra con grandi potenzialità, solida in tutti i reparti e quotata per la promozione, benché la classifica per ora non lo evidenzi. L’opposto Wagner guida la classifica dei realizzatori con 214 punti fatti in dieci giornate e sia lui che Della Lunga sono tra i quattro migliori battitori di questa stagione, con 20 e18 ace rispettivamente, Sono sei i precedenti tra le due formazioni tra campionato e play off, tutti in favore dei padroni di casa. Fischio di inizio alle 20.30; Selmi e Piubelli sono gli arbitri del match, mentre  l’addetto al video check è...

Brescia sconfitta in casa da un travolgente Pool Libertas
Dic22

Brescia sconfitta in casa da un travolgente Pool Libertas

Sarca Italia Chef Centrale parte bene, poi subisce troppo in ricezione e non riesce a giocare con l’aggressività che serve per disinnescare un Pool Libertas che, con il servizio e un muro più efficace, centra la sua prima vittoria stagionale Brescia – Primo set ordinato e con la giusta determinazione; nel secondo, con la ricezione che patisce e l’attacco che cala, Brescia perde la bussola e Cantù ne approfitta, portando tanta determinazione in più anche nel terzo. L’ingresso di Galliani nel quarto sembra far tornare l’equilibrio, ma il servizio ospite e una difesa scattante sono l’arma in più che regala la prima vittoria ai canturini. Per Brescia sono in campo Tiberti e Bisi, Cisolla e Ristic – Galliani ancora out precauzionalmente-, Festi e Candeli al centro, con Zito libero. Starting six ospite Baratti  – Poey; Cominetti e Maiocchi in banda,  Monguzzi – Mazza al centro  e Butti libero.   Ritmo alto, qualche errore dai nove metri per gli ospiti che non contengono Candeli e Festi innescati da Tiberti. Monguzzi tiene in scia i suoi con attacco dal centro e muro (8-7); l’ace di Festi segna il primo strappo per i Tucani (15-11); il muro di Cisolla in campo vale il 18-14, ma Cantù non arretra e accorcia con Poey, che poi spara out il 22-19. Ristic gioca con il muro e si guadagna il set ball, Candeli piazza il secondo monster block (il primo viene annullato da un’invasione confermata dal video check). Tre ace in avvio ed è Brescia a rincorrere (3-6). Ristic alterna pallette e botte in lungolinea riportando i suoi sopra (8-7), ma un paio di incertezze a muro minano la sicurezza di casa che subisce il turno al servizio di Cominetti e si trova sotto 10-15. Cisolla fa una magia con le mani di Poey, poi Bisi decide di cambiare marcia e piazza un turno micidiale dai nove metri che riporta in corsa i Tucani (14-15). Black out in ricezione che porta con sé un calo in attacco: ne approfitta Cantù che difende meglio e blocca Bisi a muro (20-15). Galliani è dentro per Ristic, Candeli passa in primo tempo ma il gap è incolmabile e i canturini pareggiano i conti 21-25. Cominetti e Cisolla se le suonano, ma la banda ospite trascina al servizio e con due ace consecutivi metta la testa avanti (7-10). Monguzzi e Poey sbarrano la strada all’attacco bresciano che pare insolitamente insicuro. Zambonardi inserisce Galliani per Ristic, ma Cantù ha più grinta e riesce a passare in attacco con le sue bande (12-18). Festi ferma l’opposto cubano e lancia la reazione di casa che però è troppo timida, nonostante l’ingresso di...

Penultima di andata: arriva Cantù!
Dic20

Penultima di andata: arriva Cantù!

Sarca Italia Chef Centrale del Latte riceve il Pool Libertas Cantù per una delle ‘classiche’ di A2. Ospiti ancora a secco di vittorie, ma non per questo meno temibili. Fischio di inizio alle 18 al San Filippo Brescia – L’ospite del turno prenatalizio al San Filippo è il Pool Libertas Cantù di Luciano Cominetti, formazione ancora digiuna di vittorie (penultima a pari punti con Mondovì), ma determinata a risalire la classifica, ora che può contare sul rientro dell’opposto Raydel Poey, dalla settimana scorsa di nuovo in forze, dopo l’infortunio occorsogli alla quarta giornata. I canturini arrivano motivati dall’urgenza di fare punti per muovere la classifica, dopo che sono stati vicini a più di un successo (sono tre i tie break lasciati agli avversari, uno dei quali contro la forte Peimar). Lo starting six sceso in campo nell’ultimo, tiratissimo match contro Bergamo prevedeva Baratti incrociato a Poey; Cominetti e Maiocchi in banda, Mazza e Monguzzi al centro, con Butti libero. I giovani Motzo e Suraci sono pronti a dare una mano in attacco. Alberto Cisolla conosce bene l’opposto cubano: ci ha giocato assieme nella Roma del 2010/2011 e come avversario con la Nazionale. “Le sue doti fisiche sono innegabili…Vero che è appena rientrato dopo un lungo stop, ma è lui l’osservato speciale della gara, dalle cui mani passeranno buona parte dei palloni” Brescia – Cantù è una classica di questa A2. Non si è disputata la scorsa stagione perché le due squadre erano in due gironi diversi, ma nelle quattro precedenti sono state 13 le sfide, con 6 successi bresciani. Andrea Galliani è l’ex di turno che ha vestito la maglia canturina per due stagioni. Dopo lo stop del turno scorso a causa della forte contusione all’alluce rimediata nella partita ad Ortona, dovrebbe essere di nuovo disponibile per coach Zambonardi, che avverte: “Nessuno scenderà in campo pensando che sarà una partita facile. Siamo sereni, ma anche consapevoli del valore del nostro avversario. Contiamo sul fattore campo e sul nostro pubblico per fare un buon risultato: ogni punto è prezioso in questa fase ” In effetti per Brescia quella di domenica è un’occasione da non perdere per restare agganciati alla vetta – giacché Ortona e Calci giocano una contro l’altra -, pur con un occhio di riguardo a Siena che potrebbe avere vita più facile, benché fuori casa, contro Lagonegro. Completano la griglia i match tra BCC Castellana Grotte e Santa Croce e gli anticipi del sabato tra Mondovì e Bergamo e tra Reggio Emilia e Materdomini . Ospite del progetto Cuore Atlantide sarà l’associazione Autismando, fondata da un gruppo di genitori di ragazzi autistici capitanati dal presidente Paolo Zampiceni, che...

Sarca Italia Chef Centrale al rush finale
Dic18

Sarca Italia Chef Centrale al rush finale

Brescia ha ripreso la sua corsa con la vittoria esterna a Reggio Emilia e tenta l’allungo finale verso le prime sei posizioni in classifica. Avversari da battere: Cantù il 22 al San Filippo e Olimpia, a Bergamo, il 28 dicembre  Brescia – Mancano due sole gare al termine dell’andata ma, in questa stagione così competitiva, saranno entrambe determinanti per il piazzamento finale che determina l’accesso alla Coppa Italia, perché in cinque punti ci sono sette formazioni al momento. Le prime due posizioni significano incrociarsi con le due squadre di A3 e dunque, sulla carta, una chance in più di passaggio al turno successivo, ma prima di fare calcoli sulle potenziali avversarie, occorre essere certi di entrare nella griglia delle sei. Brescia al momento è quarta, con gli stessi 19 punti di Calci (terza), che però deve ancora affrontare Ortona (capolista a 21) e Santa Croce. Siena, ora al secondo posto con 20 punti, è la formazione che ha il cammino meno complicato, dovendo affrontare Lagonegro e Reggio Emilia, mentre Santa Croce e Castellana Grotte – ora sesta e settima – avranno un vis a vis al prossimo turno. Sulla strada di Sarca Italia Chef Centrale, invece, il prossimo ostacolo è Cantù, atteso a Brescia domenica 22. Il Pool Libertas di Cominetti ha recuperato l’opposto Poey solo la settimana scorsa e cerca il primo successo in campionato, dopo i 3 tie break lasciati agli avversari – uno dei quali contro la Peimar –: arriverà al San Filippo motivato dalla voglia di riscatto e dall’urgenza di scostarsi dalla penultima posizione. Il turno successivo opporrà i Tucani ai cugini orobici, ora quinti: gli atleti di Spanakis pare abbiano trovato l’alchimia giusta che ha permesso loro di inanellare quattro vittorie consecutive e di stare a due soli punti dai Tucani, con un cammino che prevede, prima del derby, l’incontro con Mondovì al prossimo turno. Sugli equilibri delle prime posizioni della classifica di A2 si esprime Alberto Cisolla: “Nessuno può dirsi sorpreso da questa classifica corta: ce lo aspettavamo un campionato molto equilibrato, fatto di match combattuti, con pochi risultati scontati. Forse l’unica vera sorpresa oggi è Ortona, che ha avuto un avvio di stagione davvero esplosivo e si trova affiancata a Calci e Siena, per me ancora candidate alla promozione” Rispetto alla gara contro Cantù, l’opposto Poey – che con Ciso ha giocato a Roma nel  2010 – sarà il sorvegliato speciale. “Rientra dopo un lungo stop, ma è il giocatore di riferimento e da lui passeranno la maggior parte dei palloni”. Per il match al San Filippo del 22 dicembre alle 18, le prevendite sono aperte sul sito www.vivaticket.it ; riduzioni per...