Sebastiano Milan convocato in Nazionale per la VNL
Apr30

Sebastiano Milan convocato in Nazionale per la VNL

Lo schiacciatore della Centrale Sferc McDonald’s Brescia convocato da Gianlorenzo Blengini per la Volleyball Nations League che il 31 maggio prenderà il via con un tour mondiale che terminerà a Chicago a metà luglio. Brescia – A coronamento di una stagione in cui ha indossato la maglia del protagonista coi colori della Centrale Sferc McDonald’s Brescia, mettendo a terra 447 punti, 42 muri e 30 ace in 26 match giocati, martedì 30 aprile Sebastiano Milan ha ricevuto la convocazione di Gianlorenzo Blengini in Nazionale, in vista della Volleyball Nations League che partirà il 31 maggio. Il tour mondiale della VNL è impegnativo: si parte dalla Cina, poi seguono le tappe in Russia, Bulgaria, Italia e Brasile, prima di approdare alle fasi finali che si giocheranno a Chicago dal 10 al 14 luglio. La lista dei convocati prevede oggi 30 atleti, orchestrati dalle mani di Simone Giannelli. Le convocazioni di Blengini riflettono la scelta di dare spazio a numerosi giovani e insieme di concedere riposo a quei giocatori di Superlega che sono stati più impegnati con le fasi finali del campionato. Sebastiano Milan ha già vestito la maglia della Nazionale: lo scorso anno ha conquistato l’oro ai Giochi del Mediterraneo e ha in bacheca anche due bronzi conquistati con l’Under 21 (2013) e l’Under 23 (2015). Atlantide Pallavolo Brescia è orgogliosa e felice per l’occasione che il CT della Nazionale offre a Milan: “Mi sembra un gran bel riconoscimento per Sebastiano che quest’anno ha fatto un percorso di crescita importante, prendendosi via via sempre più spazio e responsabilità nella nostra squadra – conferma coach Zambonardi – Sono sicuro che, pur essendo ancora giovane, Milan saprà affrontare il palcoscenico internazionale con la serietà e la risolutezza che lo hanno fatto emergere nella stagione appena conclusa a Brescia. Sarà un’esperienza qualitativamente molto importante per lui e sono certo che la vivrà appieno”....

Brescia saluta a testa alta: in semifinale ci va Piacenza
Apr14

Brescia saluta a testa alta: in semifinale ci va Piacenza

Non basta un grande primo set alla Centrale Sferc McDonald’s che, dopo aver messo paura ai padroni di casa, non trova la riscossa nel prosieguo del match. Piacenza è in semifinale con Spoleto e Brescia chiude qui una stagione comunque grandiosa Piacenza – Brescia non approfitta dei dieci errori di Piacenza, che evidentemente sente la tensione in avvio, e la Gas Sales può caricarsi a mille dopo la vittoria del primo interminabile set. Il match si decide di fatto lì: la Centrale Sferc McDonald’s accusa il colpo e non trova contro-misure a un super Sabbi. La stagione dei Tucani, comunque piena di soddisfazioni, finisce qui. Zambonardi parte con Tiberti e Bisi incrociati, Milan e Rodella in banda, Signorelli e Candeli al centro con Scanferla libero. Botti schiera Paris incrociato a Sabbi, Iudin e Mercorio in banda, Copelli e Tondo al centro, con Fanuli libero. Squadre caute in avvio, poi Tondo mette il primo ace e Milan gli risponde a tono 2-3. Yudin ferma due volte Rodella per il primo break di casa (7-3). Bisi accorcia con un attacco e un muro (8-6); Candeli passa in primo tempo (13-11) e Bisi va segno dai nove metri (15-14). Beltrami sfiora la riga e il check conferma, ma Bisi e Milan  ci sono e su alzata di Scanferla agguantano il pareggio a 19. Rodella impatta di nuovo a 21 e Bisi firma il sorpasso senza paura del 23-24. Brescia non riesce a chiudere, Sabbi firma il contro break, ma Milan non cede. Palla su palla, chiude un muro di Paris 31-29. Gas Sales spinge in battuta e va avanti  5-2 e 11-5 con  un muro di Sabbi su Milan. Brescia rosicchia un paio di punti ma i block di casa sbarrano il passaggio e Sabbi dilaga (16-9). La Centrale Sferc McDonald’s non si oppone più e cede il secondo parziale con due ace di Tondo nel finale (25-16). Terzo set con Piacenza che va in sicurezza, mentre Brescia non trova il bandolo della riscossa (9-3). Canella – dentro per Copelli al centro – segna il 11-5; ace di Signorelli 11-7, ma Milan non trova più un varco tra le maglie del muro di casa (13-7). Klobucar fermato e Candeli in primo tempo (14-10) danno un po’ di speranza ai tifosi bianco-blu sugli spalti del PalaBanca. Ace di Crosatti (17-13) e botta di Bisi servito ottimamente da Tiberti (18-14). Signorelli ferma Mercorio,(20-16) e mette a terra il 21-17, ma i padroni di casa hanno già messo le ali. Chiude Yudin 25-19. L’altra semifinalista è Spoleto. Simone Tiberti: “La stagione è finita dopo il primo set..Abbiamo avuto qualche sprazzo a seguire, ma siamo andati...

Play Off Promozione: domenica a Piacenza l’ultimo atto dei Quarti
Apr12

Play Off Promozione: domenica a Piacenza l’ultimo atto dei Quarti

Domenica alle 18 si torna al PalaBanca di Piacenza, per l’atto finale dei Quarti dei Play Off Promozione. Il pronostico resta a favore dei padroni di casa, ma la Centrale Sferc McDonald’s è pronta a giocare con leggerezza e con “Un pizzico di follia” suggerito dal capitano, Simone Tiberti Brescia – Mentre Cantù e Bergamo si godono un fine settimana di relax grazie alla qualificazione alla Semifinale dei Play Off Promozione Credem Banca, Brescia, Piacenza, Spoleto e Castellana Grotte saranno di nuovo una di fronte all’altra per il terzo e decisivo confronto. Ogni partita è una storia a sé e la serie tra gli emiliani e i Tucani lo ha dimostrato ampiamente sinora: sovvertito il fattore campo, hanno contato molto di più la tranquillità, la voglia di vincere e la capacità di contenere gli errori. In Gara 1 Brescia ha saputo cavalcare l’onda emotiva di casa mantenendo la bussola sempre orientata e centrando una grande vittoria; in Gara 2 Piacenza ha ristabilito la parità usando la sua superiorità fisica, ma Atlantide è sempre rimasta incollata al match, deciso, come spesso accade a questi livelli, da poche occasioni non finalizzate e da qualche imprecisione in più in campo bianco blu. Le percentuali di attacco sono state molto simili (54% per Brescia, 53% per Piacenza), la differenza l’han fatta i cinque ace di Sabbi e i tre muri in più subiti dai Tucani, che hanno comunque lottato con determinazione e senza timore reverenziale. La gara secca che determinerà chi passa in Semifinale è tutta da scrivere e, pur rispettando il pronostico in favore di Gas Sales, i ragazzi di Zambonardi sanno che possono giocarsela fino all’ultima palla, con lucidità, gustando il sapore della grande occasione e con la consapevolezza di saper far tremare i leader indiscussi della stagione regolare. “Sono felice di aver portato una corazzata come Piacenza sino a Gara 3 e per noi è un onore essere arrivati fino a qui – assicura coach Zambonardi –  Domenica sappiamo sarà molto difficile, ma i ragazzi sono tranquilli: affrontiamo la partita a cuor leggero e a viso aperto, giochiamo senza alcuna pressione”. Lo starting six di casa dovrebbe restare lo stesso sceso in campo al San Filippo con Paris e Sabbi sulla diagonale principale, Yudin e Mercorio in banda, Tondo e Copelli al centro e Fanuli libero. Klobucar e Beltrami preziosi inserimenti al servizio. Fischio di inizio alle 18, Arbitri: Bellini e Piperata. Diretta in streaming per abbonati su Lega Volley Channel....

Brescia: grande orgoglio, ma si va a Gara 3!
Apr10

Brescia: grande orgoglio, ma si va a Gara 3!

La Centrale Sferc McDonald’s ci mette l’anima, ma la Gas Sales stasera non sbaglia nulla e porta la sfida a Gara 3. E’ stata una partita tirata e a ritmo serrato, senza alcuna recriminazione da fare ai Tucani, che domenica ci riproveranno a Piacenza con fiducia. Bella cornice di pubblico e grande tifo.  Brescia – Una battaglia giocata fino all’ultima palla, una bellissima serata di volley con un pubblico  in festa e una prova corale e splendida, giocata senza alcuna paura. Brescia, rispetto a Gara 1, sbaglia qualcosina in più, mentre Piacenza ritrova sia Sabbi che Iudin e vince un match che si è deciso su pochissimi palloni (7 a 2 la conta degli ace in favore degli ospiti). Domenica alle 18 si gioca Gara 3. Zambonardi parte con Tiberti e Bisi incrociati, Milan e Rodella in banda, Valsecchi e Candeli al centro con Scanferla libero. Botti schiera Paris incrociato a Sabbi, Iudin e Mercorio in banda, Copelli e Tondo al centro, con Fanuli libero. Il ritmo in avvio è altissimo: Piacenza fa sul serio e strappa il primo break con Beltrami al servizio ( 4-7). Milan e un ace di Valsecchi accorciano (6-7); Brescia soffre di più il servizio ospite e rincorre un’ avversaria reattiva sui recuperi e le rigiocate (11-14). Ottimo turno di Bisi dai nove metri e i Tucani arrivano a meno uno, ma Piacenza spinge ancora con Mercorio e Iudin (13-17). Milan e Bisi lanciano la rincorsa, poi il block di Tondo e l’ace di Klobucar (entrato proprio in battuta) segnano il finale (17-22). La Centrale prova a stare nel set con Crosatti al servizio e Mijatovic ad alzare il muro, Bisi arriva al 21-23, ma Iudin si prende il set ball e Sabbi chiude (21-25). Avvio di prepotenza a muro degli ospiti: in un amen Brescia è sotto 2-7, ma Valsecchi restituisce un doppio block che avvicina i suoi  (5-7); botta e risposta tra Milan e Sabbi per il 10-11; Valsecchi si fa vedere in primo tempo (11-13); Rodella passa e Milan stampa Sabbi per il pareggio a 14. Bisi pennella un lungolinea, ma non basta: Piacenza sfrutta Klobucar al servizio e tiene il break (18-21). I Tucani stanno lì con pazienza e sfruttano ogni imprecisione ospite fino al 21 pari con doppio errore di Iudin. Finale da brivido, Mercorio arriva al 24-23 e la palla che dà il secondo set a Piacenza rotola sulla rete in maniera fortunosa. Si riparte con gli ospiti avanti 4-7: Brescia soffre qualcosa in più in ricezione e Piacenza tocca tutto a muro. Signorelli – dentro per Valsecchi – guida il break di quattro punti che porta Brescia...

Play Off Promozione, Gara 2: Brescia prova a sognare in grande!
Apr09

Play Off Promozione, Gara 2: Brescia prova a sognare in grande!

Mercoledì alle 20.30 fari puntati sul San Filippo: si gioca Gara 2 dei Play Off Promozione Credem Banca. Piacenza arriva per tirarsi via dalle corde e portare la contesa a Gara 3, mentre Brescia proverà a coronare un sogno chiamato Semifinale davanti a tutti i suoi tifosi. Brescia – Sono ancora freschissime le immagini del fine partita al PalaBanca, dove una Centrale Sferc McDonald’s compatta e determinata ha conquistato una vittoria insperata e meritata contro i padroni di casa di Piacenza. Negli sguardi dei giocatori e in quello di coach Zambonardi c’era una scintilla di soddisfazione speciale, come se la prova di domenica avesse riscattato sia il precedente confronto, la semifinale di Coppa Italia giocata in tutt’altra maniera contro gli stessi uomini di Botti, sia la prestazione contro Mondovì, che aveva concluso la Regular Season lasciando qualcosa in sospeso. Oggi quei conti sembrano chiusi e, anzi, si sono aperti nuovi possibili scenari, tutti da disegnare mercoledì sera al San Filippo in gara 2. Piacenza arriverà meno frastornata e ben conscia di dover vincere ad ogni costo; l’assenza di Fei (bloccato da uno strappo) e quella di Klobucar (ancora in recupero) hanno di certo pesato sulla serata storta di Gas Sales. Sabbi forse aveva troppa pressione addosso e i muri subiti lo hanno messo fuori combattimento, ma poco importa come arriveranno gli ospiti al San Filippo: è l’atteggiamento dei Tucani che è cambiato. Domenica hanno reagito d’orgoglio all’uscita di Cisolla – previsto però in campo mercoledì – e all’assenza di Valsecchi, mettendoci tutti più attenzione, grandi difese e buoni attacchi. “Mercoledì dovremo affrontare uno squadrone arrabbiato, che è il peggior avversario possibile – ammonisce Zambonardi – Noi dobbiamo fare del nostro meglio per mantenere la continuità di gioco che abbiamo avuto domenica, a parte il piccolo calo nel terzo set, recuperato anche grazie all’ottima gestione di Tiberti, e cerchiamo di lasciare tutta la pressione ancora su di loro”. Il capitano riflette su uno spunto interessante: “Pur non avendo fatto una partita tecnicamente eccezionale, ci abbiamo messo tanta voglia di vincere e abbiamo sopperito ai nostri limiti fisici con l’agonismo e la grinta. Domenica non avevamo nulla da perdere e, giocando con spensieratezza, li abbiamo sorpresi. Mercoledì quell’effetto sorpresa non potremo sfruttarlo più e mi aspetto che Piacenza giochi molto meglio. Non è nemmeno più vero che non abbiamo nulla da perdere: c’è in palio qualcosa anche per noi ora e sarà più difficile scendere in campo con la stessa tranquillità, ma ci metteremo la stessa voglia di vincere”. Brescia arriva a Gara 2 con queste credenziali: basterà “solo” giocare davanti al pubblico di casa con la leggerezza di chi sa...