Presentata la prima Finale di Coppa Italia di Atlantide
Feb20

Presentata la prima Finale di Coppa Italia di Atlantide

Presso la sede del Gruppo Consoli  a Brescia, Atlantide ha ufficialmente presentato la Finale che domenica 23 la vedrà di fronte ad Olimpia Bergamo all’Unipol Arena: in palio c’è la Del Monte® Coppa Italia di serie A2/A3.   La prima finale di Coppa Italia, il derby contro Bergamo, la più grande trasferta di tifosi nella storia della pallavolo bresciana. La domenica che Sarca Italia Chef Centrale del Latte si appresta a vivere sarà davvero speciale e indimenticabile. La società presieduta da Gianni Ieraci scenderà in campo alle 14.30 del 23 febbraio per la finale della 23^ edizione della Del Monte® Coppa Italia di A2, quest’anno per la prima volta aperta anche alle migliori squadre della A3 (Videx Grottazzolina è stata battuta da Brescia in semifinale). L’avversaria che la squadra di Roberto Zambonardi si ritroverà di fronte è l’Olimpia Bergamo, per il derby senza dubbio più importante degli ultimi anni. Sarca Italia Chef Centrale del Latte sarà al centro di uno dei massimi eventi della pallavolo italiana. Nel week end infatti si giocherà anche la 42^ edizione della Final Four della Del Monte® Coppa Italia di Superlega con le migliori quattro squadre del panorama nazionale. Cucine Lube Civitanova e Itas Trentino saranno in campo nella prima Semifinale di sabato 22 alle 16.00, a seguire la seconda partita tra Sir Safety Conad Perugia e Leo Shoes Modena in programma per le ore 18.30. Le vincenti si sfideranno domenica subito dopo la sfida tra Brescia e Bergamo. All’Unipol Arena è previsto il tutto esaurito con una cornice di pubblico che supererà le 9000 presenze a giornata. E’ più che giustificato dunque l’entusiasmo che ha pervaso la conferenza stampa di presentazione della Finale, svoltasi in mattinata presso la sede di Sarca Catering alla presenza dei padroni di casa Stefano Consoli e Guido Molinaroli, del Consigliere Comunale Fabio Capra, del Patron di Centrale del Latte Franco Dusina, del consigliere Fipav Paolo Biasin e naturalmente di squadra e dirigenti di Atlantide. Arrivata come outsider, Sarca Italia Chef Centrale del Latte è determinata a sfruttare l’occasione e il palcoscenico privilegiato dell’Unipol Arena con l’obbiettivo di giocarsi al meglio questa prima storica Finale, altro traguardo prestigioso nel cammino della società bresciana. Oltre a presentare la sfida contro Olimpia Bergamo, al momento seconda in campionato con dieci vittorie consecutive al suo attivo, Claudio Chiari, responsabile Comunicazione & Marketing, ha illustrato le principali differenze che la Finale metterà in campo rispetto al campionato (la chiamata di video check aggiuntiva per la difesa a terra, un solo time out per set, pause tra set più brevi) e poi ha lasciato spazio ai protagonisti, tutti carichi di entusiasmo, speranza e sorrisi....

Calci, ultima fermata prima della Coppa Italia
Feb16

Calci, ultima fermata prima della Coppa Italia

Sarca Italia Chef Centrale in trasferta a Santa Croce, ospite di Peimar Volley, rivelazione in avvio di campionato e ora quinta in classifica, sopra i Tucani di sei punti. Per coach Zambonardi “Massima concentrazione in vista della Finale di Coppa Italia”  Brescia, 14 febbraio 2020 –   La prossima battaglia i Tucani la combattono in terra toscana, ancora sul campo di Santa Croce, ma stavolta contro il Calci, formazione nuova della categoria ma con un assetto offensivo che le è valso le prime posizioni in classifica per buona parte del girone di andata. Il match al San Filippo dello scorso dicembre ha segnato la prima sconfitta casalinga per Brescia: gli ospiti erano allora stati capaci di grande continuità e solidità a muro e in difesa, oltre che al servizio. Il girone di ritorno ha visto la formazione di coach Gulinelli in lieve flessione: ha ceduto quattro dei sei match giocati sinora (le sole vittorie sono contro Mondovì e Cantù), pagando forse l’infortunio della banda Lecat, recuperato del tutto già nel match contro Cantù della scorsa giornata. Incrociato al belga, domenica in campo ci sarà l’altro ottimo schiacciatore laterale Fedrizzi, con Coscione in regìa opposto a Argenta e con Mosca e Barone al centro. Il libero è Tosi. Per coach Zambonardi, quella contro Calci è un partita da affrontare con tranquillità: “Stiamo gestendo un periodo complesso, ma con un traguardo raggiunto che non può che darci la conferma delle possibilità di questa squadra. Il sestetto che è sceso in campo negli ultimi match può trovare un assetto più sicuro e spregiudicato, basta che si fidi dei propri mezzi. Il prossimo impegno di campionato è un’occasione che chiedo ai miei di sfruttare con la massima concentrazione per permettere un’ulteriore crescita a questo gruppo e arrivare alla Finale di Coppa Italia con la giusta determinazione”. Lo storico traguardo raggiunto da Atlantide non è passato inosservato: sono oltre 400 i tifosi bianco blu che hanno aderito alla trasferta bolognese del 23 febbraio e che hanno acquistato il biglietto tramite la società e on line sulla piattaforma Vivaticket. Sarca Italia Chef Centrale – Peimar avrà inizio alle 18.00 al PalaParenti. Arbitri: Verrascina e Toni, l’addetto al video check è Panaiia. Diretta streaming all’indirizzo di You tube https://youtu.be/g-cOCNVH8o0, oppure passando dal nostro sito web, sezione diretta TV. Sugli altri campi: Olimpia gioca addirittura di venerdì contro Reggio Emilia e si impone 3-0, mentre l’anticipo del sabato sera è tra Cantù e Santa Croce (1-3). Domenica, Mondovì affronta Lagonegro, mentre Ortona contro BCC Castellana Grotte è la partita clou; chiude la giornata lo scontro tra Materdomini.it e la capolista Siena.    ...

Brescia rimonta con orgoglio ma cede al quinto
Feb09

Brescia rimonta con orgoglio ma cede al quinto

I Tucani entrano nel match in ritardo e provano a raddrizzarlo, ma l’avversario è tenace e strappa due punti al San Filippo. Cisolla: “Sappiamo che momento stiamo passando, dobbiamo sopportare e imparare a essere più spregiudicati” Brescia 9 febbraio 2020 –  Avvio contratto per  Brescia che perde il primo set e rientra nervosa in campo, mettendosi nella scomoda condizione di rincorrere un avversario che affronta il match con maggiore tranquillità. Sotto di due, i Tucani si danno una scossa e guidano i successivi parziali crescendo in attacco e al servizio. Il tie break è fatale, ma il punto preso è comunque importante. Castellano schiera in campo Valera in regia incrociato a Cazzaniga, Fiore e Rosso ai lati, Patriarca e Gargiulo al centro, Battista libero. Brescia parte con Tiberti e Malvestiti, Cisolla e Galliani, Festi e Mijatovic al centro e Zito libero. Break ospite che permette a Materdomini di recuperare lo svantaggio iniziale e di passare avanti 4-5 con Cazzaniga protagonista, fermato dal block a tre di casa (6 pari). Festi mura per il 10 pari e si viaggia in equilibrio fino al servizio insidioso del capitano che costringe la ricezione di Castellana Grotte all’imprecisione per il 19-18. L’ace di Fiore scombina i piani dei Tucani, troppo fallosi dai nove metri (21-23), ma Festi  tiene i suoi in scia con il muro su Cazzaniga. E’ proprio l’opposto pugliese che chiude però il set con una palletta (23-25). Sarca Italia Chef Centrale rientra in campo, ma pare frastornata e la continuità di Materdomini mette alle corde l’attacco di casa. Il nervosismo vale il 6-10 e il gap si mantiene nella parte centrale del set, con Brescia che lavora bene a muro, ma fatica più del dovuto in attacco (13-17). Cisolla mette il mani out che avvicina su servizio di Festi (16-18) e il video check dà ragione a Zambonardi, rilevando l’invasione a muro (20-22), ma non basta: chiude la Materdomini 21-25 Il terzo è il parziale della riscossa: in un attimo  Brescia va 7-3 e 9-18, con Cisolla e Galliani di nuovo nei loro panni. Il muro continua a lavorare bene e il servizio diventa più efficace. Materdomini si scuote e recupera, approfittando di un paio di incertezze di casa. Gargiulo piazza l’ace del 24-20, ma sbaglia il successivo servizio e la partita è riaperta. Brescia gioca con più scioltezza e aggressività, ma Castellana non ci sta: Gargiulo blocca Mijatovic, che restituisce il favore su Cazzaniga (11-9). Galliani va, gli ospiti non fanno le comparse e si lotta punto a punto. Cisolla si prende ancora la palla che scotta (17-14); il block di Mater non si lascia intimidire (20-18), ma nemmeno...

Materdomini.it, sfida importantissima in chiave play off
Feb08

Materdomini.it, sfida importantissima in chiave play off

Sarca Italia Chef Centrale si affaccia  alla fase più calda del campionato con lo scontro delicato con Materdomini.it, staccata di cinque punti, ma in fase di costante crescita. Sfida al San Filippo anticipata alle ore 17. Brescia, 8 febbraio 2020 –  Mancano sei giornate al termine della Regular Season  e il match che domenica andrà in scena alle 17 al San Filippo è un ghiotto antipasto della tensione agonistica che guiderà la fase finale del campionato. L’avversario di turno è Materdomini Castellana Grotte che, condotta da Cazzaniga, altro ‘eterno’ del campionato, sta dando dispiaceri a tante big come Ortona, quasi beffata al tie break, e Calci, sconfitta nettamente nell’ultima giornata. Il trend positivo dei pugliesi è confermato da tre vittorie negli ultimi cinque turni che hanno permesso loro di staccarsi dal gruppetto di coda e di stabilirsi in ottava posizione, a cinque punti da Brescia. Oltre all’opposto esperto (autore di 30 punti nell’ultimo match), il sestetto di Castellano conta sulla regia del veterano Rodman Valera, con Fiore e Rosso attaccanti laterali e Patriarca e Gargiulo al centro.  Battista è il libero. Nel match di andata fu 3-1 per Brescia che deve provare ad assicurarsi i tre punti in palio al San Filippo per consolidare la sua posizione in vista dell’assalto finale.  “E’ importante mantenere il distacco da Santa Croce (ora a due lunghezze) e dovremo partire spingendo forte al servizio, perché Materdomini riceve molto bene – commenta Michele Malvestiti, l’opposto protagonista degli ultimi match che sta sostituendo senza esitazioni Fabio Bisi –. Alla prima partita sentivo parecchio l’emozione, ma grazie ai compagni che mi hanno sostenuto e al fatto che più giochi, più le cose vengono naturali, ho trovato un equilibrio mio. Sono contento di potermi misurare con un campionato di questo livello: è un test di crescita anche per me. Sto in campo senza esitazione perché preferisco fare un errore in più e restare sciolto, che non giocare contratto per la paura di sbagliare”. Fischio di inizio alle 17.00. Arbitri: Palumbo e Sessolo, addetto al video check: Buonaccino D’Addiego. Diretta streaming all’indirizzo: https://youtu.be/Da6pXTcYcVQ Sugli altri campi, tanti scontri interessanti: gli anticipi del sabato sono quelli tra Lagonegro  e Santa Croce (ore 18) e tra Siena e Ortona (20.30).  Bergamo sarà ospite domenica di BCC Castellana Grotte, Calci cerca punti contro Cantù, mentre Reggio Emilia affronta in casa Mondovì Ospiti del progetto Cuore Atlantide sono i volontari di Fondazione ABIO Brescia, Associazione per il Bambino in Ospedale, con cui Atlantide collabora da qualche anno attraverso il progetto Campioni in Corsia, in collaborazione con Fondazione Poliambulanza. La sala Hospitality sarà invece curata dai nuovi amici di Dosso Badino, agriturismo Franciacortino che ha...

Tanto cuore ma nessun punto da Santa Croce
Feb02

Tanto cuore ma nessun punto da Santa Croce

I Tucani in emergenza per l’assenza di Cisolla – bloccato dalla febbre – provano a contrastare i Lupi e arrivano ad un soffio dal tie break, sciupando un buon vantaggio nel quarto set. Ancora una buona prova per Malvestiti e nessun dramma per coach Zambonardi che applaude i suoi guerrieri Santa Croce (PI), 2 febbraio 2020 – Brescia, segnata dalla defezione di Cisolla fermato dalla febbre, gioca con generosità condotta da un capitano mai domo e prova a conquistare punti contro una Santa Croce non irresistibile, ma brava a difendere e a recuperare un gap di sei punti nel quarto set, negando anche il tie break a Brescia. Il tecnico bresciano schiera in avvio Tiberti incrociato a Malvestiti, Galliani e Ostuzzi in banda, Festi e Mijatovic al centro con Zito libero. Coach Pagliai parte con Acquarone in regia incrociato a Padura Diaz, Russomanno e Colli a banda, Larizza e Bargi al centro, con Catania libero Galliani firma i primi punti del match e Brescia stacca 1-4 poi Padura Diaz rimette in carreggiata i suoi e l’aggancio arriva col muro di Larizza su Festi (6 pari). Il block di casa è ben piazzato ed è protagonista del sorpasso 9-7; il centrale trascina (14-10), mentre Brescia fatica a passare. Si arriva in fretta al 24-16, ma capitan Tiberti non ci sta e piazza due ace: seguono una gran botta di Galliani e un muro di Mijatovic. Brescia annulla cinque set ball, ma cede sul 25-21. La reazione del finale del set precedente innesca un buon avvio per i Tucani che stanno lì fino al break di casa del 9-6, ancora a muro. Tiberti non ha intenzione di mollare e va a salvare col piede un pallone poi chiuso da Padura Diaz (12-7). Galliani picchia con continuità e stampa Padura Diaz 13-11, mentre Ostuzzi accorcia 16-14 su buon turno dai nove metri di Mijatovic. Russomanno esce sul 16-15 per un problema al ginocchio ed entra l’ex Mazzon. Il videocheck dà a Brescia l’occasione di passare avanti con Galliani (18-19); Marra, dentro per Bargi, stoppa la banda bresciana e ribalta il vantaggio, oltre a siglare il 23-21. I Tucani non arretrano: si arriva 24 pari, poi il muro di Festi su Larizza che vale il 26-27 e l’errore di Colli, dopo l’ottima difesa di Zito, pareggiano la conta dei set (26-28). Malvestiti picchia e anche Tiberti (10-9), che difende tutto e spiega cosa vuol dire giocare con grinta. Attimo di difficoltà in ricezione e attacco e Santa Croce va +4, ma Festi ferma il cubano e Malvestiti piazza un ace (15-13). Crosatti dà una mano in seconda linea, ma i Lupi, con l’ace...

Tucani verso la sfida con i Lupi!
Feb01

Tucani verso la sfida con i Lupi!

Sarca Italia Chef Centrale arriva a Santa Croce sule ali dell’entusiasmo per la qualificazione alla Finale di Del Monte Coppa Italia, ma consapevole del calibro degli avversari e mettendo in conto di pagare la maggiore stanchezza fisica Brescia 31 gennaio 2020 – I Tucani partono sabato per Santa Croce galvanizzati dalle ottime prove messe in campo in campionato e Coppa nell’ultima settimana, ma di certo i Lupi vorranno vendicare la sconfitta beffarda dell’andata, maturata quando i conciari erano ad un passo dal tie break. La squadra di Pagliai arriva da una vittoria contro Reggio Emilia che ha interrotto un filotto di sconfitte, ma le gare precedenti, perse con Siena e Materdomini, davano già segnali di ripresa e sono state tutte tirate, decise da pochissimi palloni nei finali di set. Padura Diaz e compagni sono certamente in cerca di affermazione netta davanti al loro pubblico e proveranno ad accorciare la distanza proprio da Sarca Italia Chef Centrale, ora avanti di cinque punti, in sesta posizione. Rispetto all’andata, i Lupi hanno perso Krauchuk, sostituito da Russomanno, schiacciatore brasiliano già noto per la sua partecipazione al campionato italiano con la maglia di Milano e Siena qualche anno fa. Per il resto, nessuna novità: in campo con lui ci saranno il regista Acquarone incrociato a Padura Diaz, Colli è l’altra banda, Bargi e Larizza sono i centrali, con Catania Libero e l’ex Tucano Mazzon pronto ad aiutare in attacco. I tucani, per par loro, hanno speso molto sia dal punto di vista fisico che mentale in questa settimana: riorganizzare il gruppo e le forze per coprire l’assenza di Bisi, dopo un periodo già non dei più facili, ha comportato un gran lavoro che ha certamente pagato in termini di successi, ma che ha anche sfiancato Tiberti e i suoi. Nonostante i risultati netti contro Lagonegro e Grottazzolina, i match sono stati tutti impegnativi dal punto di vista della tensione agonistica e i set sempre molto tirati. I giovani Malvestiti e Ostuzzi hanno un merito speciale perché, buttati nella mischia con nessuna partita giocata nelle gambe, sono stati più che all’altezza e non si sono fatti intimidire dal livello degli avversari. Il gruppo c’è e sta trovando i suoi nuovi equilibri attorno all’asse più esperto e con il lavoro instancabile, anche se meno evidente in termini di punti, dei preziosi centrali di Atlantide e del libero Zito, sempre più determinante per la ricezione bianco blu. Mijatovic, subentrato a Candeli a testa bassa, e Festi stanno dando un grande apporto dai nove metri e a muro, oltre a rispondere alle chiamate in attacco del capitano. “Di sicuro la trasferta a Santa Croce non è la...