Campioni in Corsia: Tucani in Poliambulanza per ABIO
Gen23

Campioni in Corsia: Tucani in Poliambulanza per ABIO

Campioni in corsia, edizione ‘Raccontaci una storia’ ha avuto anche la favola del Tucano… Capitan Tiberti, Giuseppe Zito e il nostro vice presidente Lorenzo Bonisoli mercoledì mattina sono stati ospiti di Fondazione Poliambulanza. Erano in visita assieme ai volontari di ABIO Brescia al reparto di Pediatria, dove si incontrano i veri campioni 💪! Una mattinata all’insegna dei colori e della magia del Tucano dell’Atlantide Pallavolo Brescia che partecipato con entusiasmo al progetto per il terzo anno consecutivo! ...

Sorpresa Brescia: batte Ortona e porta  la semifinale di Coppa al San Filippo!
Gen15

Sorpresa Brescia: batte Ortona e porta  la semifinale di Coppa al San Filippo!

Sarca Italia Chef Centrale, con una prova impeccabile, recupera lo svantaggio in avvio e tiene in mano il match, conquistando la semifinale di Coppa Italia che si giocherà il 29 gennaio al San Filippo contro Videx Grottazzolina. Bisi MVP con 18 punti; Galliani segue a 14 e Cisolla a 12. Ortona (CH) – Ortona parte bene, ma Galliani e Bisi si incaricano di ricucire con pazienza e di guidare la squadra verso una vittoria costruita con grande continuità di gioco e con pochissimi errori. I Tucani sono più concreti in difesa e il muro è micidiale: Tiberti può orchestrare i suoi con sicurezza. Arriva una vittoria piena, forse addirittura insperata, ma di ottimo auspicio per il prosieguo del campionato. Grottazzolina di A3 batte Calci a sorpresa e dunque sarà lei a sfidare i Tucani al San Filippo il 29 gennaio nella semifinale di Coppa. Coach Lanci ritrova Marks incrociato a Pedron, Ottaviani e Bertoli laterali, Menicali e Sesto al centro. Il libero è Toscani. Lo starting six bianco blu prevede Tiberti incrociato a Bisi, Cisolla e Galliani in banda, Festi e Mijatovic al centro con Zito libero. L’ace di Ottaviani segna l’allungo di casa: Brescia non riesce a chiudere il cambio palla, mentre Marks e Bertoli possono contare su buone difese e sui muri di Sesto e volano 8-3. Galliani avvicina (10 -7) e con Bisi si erge a protagonista del recupero (14-13), ma è il centrale sloveno che impatta a 15, con il secondo block su Ottaviani. Cisolla mette giù il suo primo pallone che vale il 16-18 e il secondo, che stacca 17-21. Ortona ci mette un paio di errori e i Tucani chiudono con Bisi 20-25. Marks subisce il block del 3-6 da Cisolla e lascia il posto a Carelli. Avvio con il muro dei Tucani che funziona ottimamente e permette loro di scappare 6-10 e di incrementare con l’attacco (8-13). Break per i padroni di casa che, con un pizzico di fortuna, agganciano a 18; poi è ancora Gallo che beffa il muro a tre e sigla il 19-21. Festi si guadagna il primo set ball (22-24) ma il block su Bisi prima, e l’attacco di Bertoli su rigiocata poi, riportano la parità. Chiude Galliani, al termine di un’azione bella, gestita con nervi saldi su palle difese e ben rigiocate. (24-26) Zito attento in difesa dà la possibilità a Ciso di mettere a terra il 1-5. Simoni entra per Menicali al centro. Ortona si avvicina 4-6 con Sesto tra i protagonisti, poi di nuovo Bisi e Gallo trascinano 6-11. Tibe può servire i centrali grazie alle buone ricezioni e vanno giù sia Mijatovic che Festi...

Tucani verso il derby con il pass per la Coppa Italia in tasca
Dic26

Tucani verso il derby con il pass per la Coppa Italia in tasca

Sarca Italia Chef Centrale in trasferta al PalaAgnelli per il derby con l’Olimpia degli ex Fusco e Signorelli. Pass per la Coppa Italia già assicurato per entrambe le formazioni, grazie alla sconfitta di Santa Croce Brescia – Ultima di andata per Brescia e Bergamo che giocano il posticipo del Boxing Day sabato sera in casa di Olimpia con il pass per i quarti di Coppa Italia già in tasca. Il turno di Santo Stefano ha dato il suo responso rispetto alle altre quattro squadre ammesse che, con la sconfitta di Santa Croce, sono Siena, Calci, Ortona e BCC Castellana Grotte. La partita di sabato per i Tucani definisce l’avversaria – Castellana Grotte in caso di vittoria e Ortona in caso di sconfitta – e il piazzamento finale:  il quarto posto significa giocare in casa, mentre il quinto e il sesto prevedono una trasferta. “La qualificazione alla Coppa è comunque una soddisfazione, ma resta il rammarico per la sconfitta della scorsa domenica anche per questo – ammette coach Zambonardi -. Avere il quarto posto sicuro ci avrebbe evitato uno spostamento pesante. Pazienza, guardiamo avanti e pensiamo al campionato, per ora. Sabato cercheremo di gestire il match con Olimpia con le carte che abbiamo, facendo tesoro della battuta d’arresto contro Cantù. Abbiamo qualche acciacco con cui fare i conti, ma siamo determinati a fare una partita grintosa, davanti ad un tifo corretto, che sappiamo essere sempre molto acceso”. Sarca Italia Chef Centrale del Latte prova a ritrovare la grinta e l’aggressività che è mancata nella partita con Cantù e il derby è un’occasione da non perdere per proseguire la marcia verso la salvezza che, per i Tucani, resta l’obiettivo da raggiungere al più presto. Olimpia ha perso l’ultimo turno contro Mondovì al tie break e ha al suo attivo sei vittorie e quattro sconfitte, come Brescia, ma con un punto in meno in classifica: sono quinta e sesta al momento.  Per Spanakis la formazione tipo prevede Garnica in regia incrociato a Wagner, Della lunga e Tiozzo in banda, Erati e Cargioli al centro con Fusco libero. Una squadra con grandi potenzialità, solida in tutti i reparti e quotata per la promozione, benché la classifica per ora non lo evidenzi. L’opposto Wagner guida la classifica dei realizzatori con 214 punti fatti in dieci giornate e sia lui che Della Lunga sono tra i quattro migliori battitori di questa stagione, con 20 e18 ace rispettivamente, Sono sei i precedenti tra le due formazioni tra campionato e play off, tutti in favore dei padroni di casa. Fischio di inizio alle 20.30; Selmi e Piubelli sono gli arbitri del match, mentre  l’addetto al video check è...

Brescia sconfitta in casa da un travolgente Pool Libertas
Dic22

Brescia sconfitta in casa da un travolgente Pool Libertas

Sarca Italia Chef Centrale parte bene, poi subisce troppo in ricezione e non riesce a giocare con l’aggressività che serve per disinnescare un Pool Libertas che, con il servizio e un muro più efficace, centra la sua prima vittoria stagionale Brescia – Primo set ordinato e con la giusta determinazione; nel secondo, con la ricezione che patisce e l’attacco che cala, Brescia perde la bussola e Cantù ne approfitta, portando tanta determinazione in più anche nel terzo. L’ingresso di Galliani nel quarto sembra far tornare l’equilibrio, ma il servizio ospite e una difesa scattante sono l’arma in più che regala la prima vittoria ai canturini. Per Brescia sono in campo Tiberti e Bisi, Cisolla e Ristic – Galliani ancora out precauzionalmente-, Festi e Candeli al centro, con Zito libero. Starting six ospite Baratti  – Poey; Cominetti e Maiocchi in banda,  Monguzzi – Mazza al centro  e Butti libero.   Ritmo alto, qualche errore dai nove metri per gli ospiti che non contengono Candeli e Festi innescati da Tiberti. Monguzzi tiene in scia i suoi con attacco dal centro e muro (8-7); l’ace di Festi segna il primo strappo per i Tucani (15-11); il muro di Cisolla in campo vale il 18-14, ma Cantù non arretra e accorcia con Poey, che poi spara out il 22-19. Ristic gioca con il muro e si guadagna il set ball, Candeli piazza il secondo monster block (il primo viene annullato da un’invasione confermata dal video check). Tre ace in avvio ed è Brescia a rincorrere (3-6). Ristic alterna pallette e botte in lungolinea riportando i suoi sopra (8-7), ma un paio di incertezze a muro minano la sicurezza di casa che subisce il turno al servizio di Cominetti e si trova sotto 10-15. Cisolla fa una magia con le mani di Poey, poi Bisi decide di cambiare marcia e piazza un turno micidiale dai nove metri che riporta in corsa i Tucani (14-15). Black out in ricezione che porta con sé un calo in attacco: ne approfitta Cantù che difende meglio e blocca Bisi a muro (20-15). Galliani è dentro per Ristic, Candeli passa in primo tempo ma il gap è incolmabile e i canturini pareggiano i conti 21-25. Cominetti e Cisolla se le suonano, ma la banda ospite trascina al servizio e con due ace consecutivi metta la testa avanti (7-10). Monguzzi e Poey sbarrano la strada all’attacco bresciano che pare insolitamente insicuro. Zambonardi inserisce Galliani per Ristic, ma Cantù ha più grinta e riesce a passare in attacco con le sue bande (12-18). Festi ferma l’opposto cubano e lancia la reazione di casa che però è troppo timida, nonostante l’ingresso di...

Super Atlantide: Brescia piega Reggio Emilia   
Dic14

Super Atlantide: Brescia piega Reggio Emilia  

Sarca Italia Chef Centrale in formazione rimaneggiata per l’assenza di Galliani trova in Ristic un ottimo punto di forza in prima e in seconda linea, ben coadiuvato da un attacco che non ha perso continuità, sia al centro sia in banda, e che ha trovato in Bisi il miglior realizzatore della serata     Reggio Emilia – Brescia domina i primi due set e riesce a piazzare la zampata finale per chiudere il match al PalaBigi con un netto 3-0 che rilancia la corsa dei Tucani, privi di Galliani, ma con un ottimo Ristic a farne le veci, supportato da tutti i terminali di attacco, stasera in grande spolvero.   Squadre schierate con Pinelli e Magnani sulla diagonale principale, Dolfo e Ippolito laterali,  Mattei e Miselli al centro e Morgese libero per i padroni di casa, mentre lo starting six bianco blu prevede Tiberti incrociato a Bisi, Cisolla e Ristic in banda, Festi e Candeli al centro con Zito libero. Zambonardi deve rinunciare a Galliani, ancora dolorante per la contusione rimediata nel match contro Ortona, ma Brescia parte forte e, sfruttando al meglio l’attacco dal centro e il turno al servizio di Festi, scappa 4-10 con Candeli e Bisi sempre a segno e un Ristic che gioca senza paura e pesa in difesa e  in ricezione. Reggio accorcia col doppio ace di Ippolito e resta in scia con Dolfo, (14-17), ma il muro di Festi vale il 18-23. Scarpi prova a dare ossigeno alla Conad, ma il suo attacco out consegna invece il primo set a Brescia. Equilibrio in avvio fino al break segnato dall’attacco di Bisi (6-9); Bellini rileva Morgese in posto due e il muro di Mattei su Ristic fa arrivare i padroni di casa sul 11-12, ma i due errori consecutivi in attacco di Ippolito permettono ai tucani di prendere il largo (14-19). Dolfo è il più efficace dei suoi, ma le redini del set le tiene Brescia, che chiude sfruttando la buona vena di Bisi e gli 11 errori avversari. Cisolla stampa Bellini per il 4-5 e Ristic mette sulla riga il punto successivo, però i Tucani non sono ancora abbastanza cinici in alcune situazioni di rigiocata e si viaggia in parità. Tiberti può servire i suoi centrali come vuole, ma Conad ci prova fino in fondo e va sul 17-15; il muro di Festi sulla pipe di Dolfo riporta lo score in parità a 18 e quello di Cisolla su Bellini permette l’aggancio a  21. Bisi di prepotenza si prende il match ball e Candeli chiude le ostilità con un block perfetto su Ippolito. Tre punti che sono ossigeno per Brescia e permettono di proseguire...

Ortona resta tabù per Brescia!
Dic08

Ortona resta tabù per Brescia!

Sarca Italia Chef Centrale fatica a entrare in partita sotto i colpi pesanti dei padroni di casa che spingono senza sosta al servizio e difendono col coltello tra i denti. Ritrova fiducia da metà secondo set con il muro e riparte, senza però riuscire a imprimere il suo ritmo e il suo gioco e senza aggredire con la dovuta cattiveria dai nove metri. I tre punti restano a Ortona  Ortona (CH) – Si sapeva che la gara sarebbe stata durissima sul campo di Ortona, capolista non a caso, ma a Brescia resta l’amarezza di non avere espresso al meglio il proprio gioco, sbagliando troppo al servizio e agevolando il gioco avversario, contenuto bene a muro, ma superiore in difesa e dai nove metri. Nonostante la gara poco concreta, i Tucani se la giocano punto a punto nel quarto parziale, pagando però l’infortunio a Galliani e cedendo l’intera posta con parecchio rammarico. Coach Lanci, privo di Marks e Simoni, schiera Pedron e Carelli, Ottaviani e Bertoli laterali, Menicali e Sesto al centro, con Toscani libero. Lo starting six bianco blu prevede Tiberti incrociato a Bisi, gli ex Cisolla e Galliani in banda, Festi e Candeli al centro con Zito libero, anche lui illustre ex della squadra di casa. Ortona conquista il primo break e si porta sul 10-8; Brescia lascia qualcosa al servizio e subisce il primo muro avversario (15-11), prova ad accorciare con Bisi (16-14), ma i padroni di casa sono più aggressivi dai nove metri e l’ace di Menicali lancia la squadra di casa sul 19-15. Con la ricezione non precisa, i Tucani sono disorientati e Ortona ha gioco facile. Zambonardi butta nella mischia Ostuzzi che si prende il punto numero 18, ma Sesto chiude le ostilità e il primo set sul 25-18. Sieco mette ancora pressione al servizio, mentre Brescia non graffia dai nove metri e deve rincorrere, faticando a contenere sia Ottaviani, sia Carelli (11-7). Troppi gli errori al servizio  – 11 nel parziale dei 24 totali –  che tolgono sicurezza ai Tucani. Mijatovic entra per Candeli, Galliani stampa Bertoli per il 15-13, ma in campo c’è poco ordine e in un attimo Ortona è a + 4, con un murone di Sesto su Cisolla (19-15). Sarca Italia Chef Centrale recupera un paio di lunghezze lavorando con maggiore convinzione in difesa e si fa sotto con Bisi e Cisolla (21-20). Il triplo block di Mijatovic, Bisi e Galliani significano sorpasso e set ball (22-24). Gallo tira il lungolinea millimetrico che pareggia i conti. Brescia non gioca ancora sciolta e Ortona serve molto bene, ma col muro e con le botte di Bisi si tiene ancorata al...