Serie A2M: vittoria e 2 punti ma con rimpianto
Feb27

Serie A2M: vittoria e 2 punti ma con rimpianto

Centrale del Latte McDonald’s Brescia: vittoria e 2 punti con rimpianto che potevano, dovevano essere 3 Dopo la netta sconfitta maturata in Salento, con strascichi nel post partita che non hanno lasciato indifferenti, la Centrale McDonald’s Brescia ritornava sul proprio campo, con la mission di non sbagliare l’occasione propizia che gli si prospettava. A Brescia, ospite di turno il Club Italia Crai Roma, formazione fortemente voluta dalla federazione per dare un possibilità alle giovani speranze di confrontarsi all’interno di campionati professionistici quali ad esempi la serie A2, fanalino di coda del girone di Pool Salvezza. Il match iniziava con le squadre che si ribattevano colpo su colpo fino al parziale di 4-3 Brescia, quando un muro vincente di Agnellini permetteva ai padroni di casa di allungare sul più 2 mantenendo il servizio di Alberto Cisolla che, dopo un’invasione avversaria ed un’altra bomba servita e mal gestita in ricezione dagli ospiti oltre ad un attacco vincente di Tartaglione, incrementava il vantaggio sull’8-3. La squadra di Zambonardi, permetteva al Club Italia di assestarsi tanto da recuperare lo svantaggio e portarsi clamorosamente sull’11-9. Il tempo di rientrare in se stessa, ed ecco che la squadra bianco blu riusciva ad impossessarsi nuovamente della gara, anche se, dall’altra parte della rete, la compagine allenata da Coach Totire, nulla regalava. Si andava quindi sul 17-14 Brescia, che sempre mantenendo la soglia dei 2 punti di vantaggio, grazie a Bisi ace e Agnellini (attacco vincente) allungava sul 20-17. Il resto era normale amministrazione: Brescia ben orchestrata da Torre in regia chiudeva il set 25- 19. Il 2° set si apriva con una Centrale Mc Donald’s leggera perfino un po’ appagata tanto da lasciare gli onori dei primi punti agli avversari. Sull’11-8 per il Club Italia, Cisolla e compagni tentavano di risvegliarsi, ma la maggiore determinazione degli ospiti aveva la meglio (14-9). La rincorsa dei padroni di casa si completava sul 19 pari dopo che la stessa, era stata sfiorata e negata sul punto precedente. La situazione di parità si trascinava fino al 23 pari quando il Club Italia metteva le 2 zampate vincenti e chiudeva 25-23. Nel terzo set la squadra di Zambonardi dimostrava come, quando raccoglie in se stessa tutta la rabbia, la furia agonistica oltre al cervello, che alla parte tattica non duole mai, riesce a chiudere i set a proprio favore. Così Cisolla, leader più che mai, prendeva in mano la situazione attacco ed in ricezione, dando quel valore aggiunto in più all’ottima prova corale dei tucani, che prima staccavano il Club Italia e poi gestivano intelligentemente il vantaggio cassafortando il set a favore (25 – 15). Partita chiusa? Macchè! Quarto set e subito avanti Club Italia 8-3, con le giovani...

Paolo Torre presentato presso le Distillerie Franciacorta
Dic31

Paolo Torre presentato presso le Distillerie Franciacorta

Venerdì 30 dicembre 2016 alle ore 11,00 presso la SEDE del nuovo Sponsor DISTILLERIE FRANCIACORTA Spa sita c/o BORGO ANTICO SAN VITALE via Foresti 13, Borgonato di Cortefranca è stato presentato ufficialmente a stampa e media, il nuovo palleggiatore PAOLO TORRE. 201 centimetri di altezza per un peso di 110 Kg, esperienza ventennale sia in Serie A1 che in Serie A2, mancino e con ottime qualità tecniche ma sopratutto umane, questa è la presentazione del nuovo palleggiatore Paolo Torre in sostituzione dell’infortunato capitano Simone Tiberti.   fonte Giornale di Brescia, articolo di Alessandro Massini Innocenti   fonte Brecsiaoggi, articolo di J.M.    ...

Serie A2M: è Paolo Torre il sostituto di Simone Tiberti
Dic30

Serie A2M: è Paolo Torre il sostituto di Simone Tiberti

Venerdì 30 dicembre 2016 alle ore 11,00 presso la SEDE del nuovo Sponsor DISTILLERIE FRANCIACORTA Spa sita c/o BORGO ANTICO SAN VITALE via Foresti 13, Borgonato di Cortefranca verrà presentato ufficialmente a stampa e media, il nuovo palleggiatore PAOLO TORRE. L’occasione sarà propizia per presentare anche il nuovo sodalizio che ATLANTIDE PALLAVOLO BRESCIA ha stretto con DISTILLERIE FRANCIACORTA Spa   E’ il nuovo palleggiatore Paolo Torre il sostituto del capitano Simone Tiberti in casa Atlantide che, dopo le previste rituali visite mediche, ha sostenuto il primo allenamento con l’intera squadra.   fonte Giornale di Brescia, articolo di Alessandro Massini Innocenti – 30.12.2016   fonte Bresciaoggi, articolo di Salvatore Messineo – 30.12.2016   la carriera di Paolo Torre   La carriera di Paolo Torre inizia nel 1993 nelle giovanili del Volley Gonzaga Milano: nella stagione 1994-95 viene promosso in prima squadra, facendo il suo esordio in Serie A1. Nella stagione 1995-96 viene ingaggiato dal Cuneo VBC, dove resta per due annate, vincendo la Coppa Italia 1995-96, la Coppa CEV 1995-96, Coppa delle Coppe 1996-97, oltre ad una Supercoppa europea ed una Supercoppa italiana. Dal 1997 al 2000 disputa il campionato di Serie A2 vestendo la maglia della Pallavolo Catania, del Volley Latina e della Virtus Volley Fano e proprio con quest’ultima squadra vince la Coppa Italia di Serie A2 1999-00: il 28 luglio 1999 fa il suo esordio nella nazionale italiana in una partita contro l’Ucraina. Nella stagione 2000-01 ritorna a Cuneo, in Serie A1, mentre in quella successiva è nuovamente a Latina, sempre in massima divisione, dove resta per quattro annate; nel 2003, con la nazionale, vince la medaglia di bronzo alla World League. Per il campionato 2005-06 gioca nel Cagliari Volley, mentre in quello 2006-07 è al Volley Lupi Santa Croce, in serie cadetta, dove resta per due stagioni. Nella stagione 2008-09 si trasferisce all’estero, in Spagna, ingaggiato dal Club Voleibol Pòrtol di Palma di Maiorca, con cui vince la Supercoppa spagnola: tuttavia a metà stagione rientra in Italia, nel Top Volley di Latina, in Serie A2, vincendo la Coppa Italia. Nella stessa divisione resta anche nel campionato successivo, giocando per l’Olympia Volley Massa. Nella stagione 2010-11 veste la maglia della New Mater Volley di Castellana Grotte, con cui a fine campionato guadagna la promozione in Serie A1, oltre alla vittoria della Coppa Italia di categoria. Nella stagione 2012-13 viene ingaggiato dall’Altotevere Volley di San Giustino, mentre in quella successiva è al Marconi Volley Spoleto, in Serie B1.  ...

Serie A2: auguri capitan Tiberti …. in sostituzione arriva Paolo Torre
Dic29

Serie A2: auguri capitan Tiberti …. in sostituzione arriva Paolo Torre

Sarà il nostro medico sociale Dott. Giacomo Marchi che domani, giovedì 29 dicembre presso l’Ospedale Civile di Brescia, opererà lo sfortunato palleggiatore, nonché nostro Capitano Simone Tiberti , vittima dell’infortunio che gli ha causato la rottura del tendine d’Achille. Ed ancora, sempre nella giornata di domani, è atteso in casa Atlantide il nuovo palleggiatore Paolo Torre che, dopo le previste rituali visite mediche, sarà in campo per il primo allenamento con l’intera squadra. Un enorme in bocca al lupo al nostro Capitano Simone Tiberti ed un cordiale benvenuto al nuovo aggregato Paolo Torre fonte Bresciaoggi, articolo di Salvatore Messineo – 29.12.2016 fonte Bresciaoggi, articolo di Salvatore Messineo – 28.12.2016 fonte Giornale di Brescia, articolo di Alessandro Massini Innocenti – 28.12.2016  ...

Serie A2: Centrale del Latte McDonald’s perde per infortunio il capitano Tiberti e l’imbattibilità casalinga
Dic27

Serie A2: Centrale del Latte McDonald’s perde per infortunio il capitano Tiberti e l’imbattibilità casalinga

4^ Giornata di ritorno: Centrale McDonald’s Brescia, nella serata maledetta, perde imbattibilità casalinga e capitan Tiberti per infortunio Nel giorno di Santo Stefano o meglio nel Boxing day dove la pallavolo è assoluta protagonista, nel fortino blindato del Palasanfilippo ed ancora inespugnato, arrivava la Conad Reggio Emilia , una delle poche formazioni ad aver battuto la rivelazione Brescia di questo campionato. Un match carico di significati per i tucani, ad iniziare dalle motivazioni di classifica che impegnavano la Centrale McDonald’s, nell’arduo compito di difendere il primato ed allontanare sempre più la zona playout, fino ad arrivare alla voglia di rivalsa e di vendetta (sportiva), per la sconfitta subita nel girone di andata nella città del tricolore. Gara che iniziava all’insegna dell’effetto festività natalizie, con una Centrale McDonald’s che, complice errori in battuta (Esposito, Bisi e Cisolla) e disattenzione in difesa andava sotto 2-5, davanti ad una Conad Reggio Emilia concentrata e determinata. La sveglia la doveva suonare capitan Tiberti, che con tocco astuto, ingannava il muro avversario e suonava la carica per i suoi, senza però ottenere l’effetto sperato, anche perchè gli ospiti, con Dolfo ed un Kody sopra a tutti , tenevano ben saldo il vantaggio ed il set (9-13) Il punto di rottura e quindi di riavvicinamento, avveniva quando dopo un muro vincente ed un attacco di Tartaglione, la squadra di Zambonardi, recuperati 5 punti di svantaggio si portava sul 17- 18; sul punto decisivo per l’aggancio, tuttavia, la sfortuna toccava i tucani: veniva fischiato dal primo arbitro un palleggio molto discusso a Fabio Bisi opposto bresciano; Reggio si portava sul 19- 17 e quindi sul 20-17, momento del match cruciale in negativo per Brescia, soprattutto per un infortunio (rottura del tendine di achille), occorso a Simone Tiberti, sostituito da Statuto. Il cuore bresciano, risvegliatosi forse troppo tardi non si dava per vinto, ma lo shock per l’infortunio al capitano prevaleva sulla voglia di rivincita: chiudeva Reggio 25-21. Il secondo set era molto più equilibrato con Brescia a cui riusciva una mini fuga sul 10-7, ma il sussulto d’orgoglio veniva vanificato a metà frazione di gioco quando Reggio approfittava dell’appannamento dei padroni di casa, che venivano recuperati sul 12-12 Un attacco di Kody ed un aces di Dolfo riportava la Conad in avanti sul 14-12. Ci provava Brescia con tutte le forze possibili, nonostante la giornata no in tutti i sensi; sempre sotto di 2 punti, che diventavano tre dopo un muro che annullava l’attacco di Tartaglione. Reggio dilagava, Brescia provava a fermare l’emorragia senza riuscirci: per i tucani era giornata maledetta 25-22 e secondo set Reggio. Provava a raccogliere cio’ che era rimasto di se stessa la Centrale...