Serie A2M: Brescia cede il terzo posto ad Alessano

Centrale del Latte McDonald’s Brescia: Una squadra stordita e senza anima, cede match e terzo posto ad Alessano (0-3)

A tre giornate dalla fine del girone di Pool Salvezza, la Centrale McDonald’s Brescia, si presentava al PalaSanFilippo, priva della banda Rodella infortunatasi durante il primo allenamento della settimana (distorsione alla caviglia).

Dall’altra parte della rete, in campo l’Aurispa Alessano che, quinta in classifica ad un passo dai tucani, chiedeva strada per poter effettuare il sorpasso e migliorare la propria graduatoria, in vista dell’ultimo rush dei play out.

Ridotte le speranze per Brescia di poter raggiungere la salvezza in anticipo e quindi riagganciare e superare Ortona, 2^ in classifica a soli 3 turni dalla fine del girone.

Il match iniziava con la squadra di casa che dopo un muro di Agnellini ed un attacco vincente di Tartaglione (ottimo il suo inizio), si portava sul 7-3 grazie a 4 battute consecutive dello stesso Tartaglione in un cocktail di potenza e furbizia. La solita siesta bianco blu, sprecava il vantaggio e permetteva agli ospiti di recuperare (8-8). Il set si trascinava all’insegna del botta e risposta, fino al turno battuta di Cisolla che insistendo con servizi tesi e potenti su Bordogno (non impeccabile in ricezione) riportava i suoi sul piu’ 2.
Il break salentino portava tuttavia gli ospiti sul 16-13, con la squadra di Mastrangelo che recuperava 5 punti, grazie alla buona vena , tra gli altri di Argilagos Sogo. Piscopo portava, con il suo attacco, Alessano sul 17-14 e per la Centrale McDonald’s, nubi si profilavano all’orizzonte. Agnellini (Brescia) murava ed accorciava a meno 1, ma Brescia si mostrava pressoché inesistente in difesa, permettendo così agli ospiti di mantenere saldo il vantaggio, con il set di marca salentina che si chiudeva 25-21.

Seconda frazione di gioco: Alessano metteva subito la freccia e si portava sul 5-3, mentre Brescia stentava a rientrare in partita. L’imprecisione bresciana e la serata decisamente no su tutti i fronti, lanciava le velleità leccesi di poter fare bottino pieno (10-7). Brescia raccoglieva tutte le sue forze (poche!), e riacciuffava gli avversari sull’ 11 pari. Il muro del sempre pronto Fabi, riportava in vantaggio Brescia 14-13, con Tartaglione che si inventava un ace (15-13).
Alessano ripristinava la parità : 16-16. Un ace aiutato dal nastro, un servizio giocato su Cisolla, un altro servizio vincente e quindi ancora un altro ace su Tartaglione da parte di Cernic, permetteva la fuga di Piscopo e compagni (22-17). Era l’epilogo del set che terminava 25-18 a favore degli ospiti.

Nulla di buono faceva presagire per i padroni di casa l’inizio del terzo set, dove gli ospiti, corroborati dal parziale inaspettato quanto comunque meritato, partivano concreti ed efficaci , pronti a sfruttare le amnesie avversarie (9-6).

La Centrale McDonald’s, stordita e spaesata ci provava con più cuore che testa, senza dare una linea alla propria partita. Il match si trascinava come una lenta agonia, con in campo una sola squadra. Terminava impietosamente 25-16 a favore di Alessano, che portava a casa 3 punti pieni ed il sorpasso su Brescia, che valeva il momentaneo 3° posto.

Per i tucani ancora 2 partite per riordinare le idee prima di terminare la Pool Salvezza (lunedi 27 marzo ore 20,30 a Roma contro il Club Italia e sabato 1 aprile ore 20,30 in casa contro Lagonegro): match da vincere per terminare più in alto possibile nel girone e giocarsi la salvezza ai play out al meglio delle 5 partite, contro una formazione alla portata di questo momento difficile.

Uomo del match il numero 15 di Alessano , lo schiacciatore Argilagos.

 

 

fonte Bresciaoggi, articolo di Salvatore Messineo

 

fonte Giornale di Brescia, articolo di Alessandro Massini Innocenti

Centrale McDonald’s Brescia – Aurispa Alessano

0 – 3 (21-25; 18-25; 16-25)

Centrale del latte McDonald’s Brescia: Fabi 3, Agnellini 6, Zanardini n.e., Torre 1, Fusco (L), Bisi 12, Tartaglione 10, Statuto, Sorlini, Esposito 1, Cisolla 9, Lazzari n.e., Tasholli n.e. All. Zambonardi, ass. coach Pioselli.
Ace 3, B.S. 5, Muri 7. Ric.: pos. 46%, perf. 212%. Att. 48%

Aurispa Alessano: Marzo, Cernic 8, Lucas Salim 2, Bonante n.e., Bulfon n.e., Torsello 6, Baldari n.e., Russo (L), Borgogno 14, Argilagos 21, Bisanti (L), Piscopo 9. All. Mastrangelo, ass. coach Bramato.
Ace 7, B.S. 7, Muri 8. Ric.: pos. 49%, perf. 27%. Att. 60%

Arbitri: Cappelletti Eliana della sezione di Ancona e Mattei Lorenzo della sezione di Macerata.

Parziali: 21-25; 18-25; 16-25. Durata set: 28‘; 28‘; 27‘.

 

 

 

dall’ufficio stampa di Aurispa Alessano

  Mercoledí 22 Marzo 2017 – 22:36  
Un altro exploit in terra lombarda
I biancoazzurri, dopo la vittoria all’andata a Cantù, centrano una nuova vittoria: 3-0 a domicilio al Brescia di Cisolla, dopo una partita giocata ad alto livello, davanti a tanti tifosi biancoazzurri giunti dalle zone limitrofe. Trascinata da un ottimo Argilagos, ancora una volta Mvp con 21 punti, la squadra di mister Mastrangelo ha sempre condotto il match con autorità, soffrendo solo ad inizio primo set. Poi una sinfonia vincente fino alla fine, con la squadra di casa che si arrende. Con questa vittoria conquistato il terzo posto in classifica, proprio ai danni dei lombardi.

Aurispa Alessano:Nuova vittoria per l’Aurispa Alessano, la sesta in otto giornate della Pool salvezza. Questa volta a farne le spese è stata la Centrale del latte McDonald’s Brescia, sconfitta in maniera netta per 3-0 davanti al proprio pubblico. Con questo risultato la squadra biancoazzurra scavalca in classifica proprio Cisolla e compagni, issandosi in solitaria al terzo posto in classifica, a due punti dal secondo posto occupato dall’Ortona, impegnato domani sera contro il Grottazzolina. Incitata da tanti alessanesi, arrivati al Pala San Filippo dai paesi limitrofi, l’Aurispa, dopo le difficoltà incontrate ad inizio partita, ha preso in mano le redini del gioco, conducendo con autorità di lì fino alla fine della partita. Ben orchestrate da Lucas Salim, le bocche di fuoco biancoazzurre hanno seminato il panico in campo avverso, con Argilagos, ancora miglior realizzatore con 21 punti, ben supportato da un ormai costante Borgogno e da capitan Cernic; Piscopo e Torsello sono stati sinonimo di garanzia al centro, implacabili a muro e con i primi tempi.

Mister Zambonardi in questa delicata sfida, oltre a Tiberti, deve rinunciare anche al laterale Rodella, infortunatosi nei giorni scorsi; il coach lombardo fa così affidamento sulla diagonale Torre-Bisi, sui posto quattro Cisolla e Tartaglione, sui centrali Agnellini ed Esposito, sul libero Fusco. Biancoazzurri, ancora orfani di Muccio, tenuto a riposo precauzionale, con Lucas Salim regista, Argilagos contromano, Borgogno e Cernic laterali, Torsello e Piscopo al centro, Bisanti (ricezione) e Russo (difesa) libero.

Primo set con Brescia che sfrutta la battuta di Tartaglione per portarsi sul 7-3, con i biancoazzurri in seria difficoltà in ricezione; risponde l’Aurispa con il servizio di Piscopo che riporta la situazione in parità (8-8). I padroni di casa riprovano a scappare (12-10), ma i biancoazzurri reagiscono veementemente e ribaltano completamente la situazione per il +3 (16-13) in proprio favore; tocca ad Argilagos picchiare al servizio e il vantaggio ospite sale sul 22-18; gli uomini di mister Mastrangelo controllano con relativa facilità e con l’opposto cubano chiudono con il punteggio di 25-21 in 28 minuti.

Secondo set con Fabi per Esposito nelle file bresciane. L’Aurispa si porta sul 4-2 sfruttando la verve realizzativa di Argilagos e l’efficacia del muro, ma Brescia riequilibra il punteggio per il 6 pari; Alessano ci riprova con un attacco vincente da posto quattro di Argilagos, un muro di Piscopo su Cisolla e un attacco out di Bisi per il 10-7. I padroni di casa non ci stanno e prima ritrovano la nuova parità a quota 11, poi il doppio vantaggio con un pallonetto di Bisi e un ace di Tartaglione per il 15-13; reazione biancoazzurra istantanea per il 15-15. Due ace di Cernic consentono un nuovo break dei biancoazzurri (19-17), con mister Zambonardi che chiede il time out; al rientro ancora una battuta micidiale del capitano mette in difficoltà la ricezione di casa, con il conseguente “rigore” di Piscopo per il 20-17, poi ancora due servizi vincenti del laterale goriziano per il 22-17; anche questo finale di set scivola via tranquillo per l’Aurispa che chiude con un ace di Piscopo per il 15-18 dopo 28 minuti di gioco.

Terza frazione con Piscopo e Argilagos che portano l’Alessano dal 2 pari al 4-2; ancora il cubano con un pallonetto fissa il punteggio sul 6-3. Il vantaggio dell’Aurispa sale al + 4 (10-6), con time out chiesto dalla panchina bresciana. Si rientra ed è Cernic ha incrementare il punteggio per la propria squadra con un diagonale vincente (11-6); cambio di regia per i padroni di casa con il giovane Statuto al posto di Torre, ma il risultato non cambia: Piscopo ferma Tartaglione a muro per il 13-7. Cisolla cerca di dare la scossa ai suoi ricucendo in parte lo strappo per l’11-14, con mister Mastrangelo che ricorre al time out per fermare la rimonta dei padroni di casa. La pausa fa bene ai biancoazzurri che ritornano a macinare gioco e trascinati da uno strepitoso Argilagos volano sul 20-13; i padroni di casa hanno una timida reazione con il servizio del solito Cisolla (15-20), ma alla fine cedono piuttosto nettamente sotto i colpi dei biancoazzurri che si impongono per 25-16, con Tartaglione che sbaglia l’attacco per il punto decisivo dopo 27 minuti.

 

 

Share This Post On